04:44 25 Novembre 2017
Roma+ 12°C
Mosca-5°C
    Il congresso degli USA

    USA, media: disegno di legge per stroncare minaccia russa nelle reti sociali

    © Sputnik. Igor Mikhalev
    Mondo
    URL abbreviato
    5427110

    Tra le misure proposte c’è l’esigenza per le compagnie internet di pubblicare informazioni su chi ha ordinato il materiale di propaganda. Ne parla Politico.

    I membri del Congresso hanno promulgato un nuovo disegno di legge, che dovrà "rendere più difficile" alla Russia interferire segretamente nelle future elezioni negli Stati Uniti. Secondo la pubblicazione, le reti sociali e qualsiasi sito web con più di 50 milioni di visitatori al mese dovranno pubblicare le informazioni sulle persone che pubblicano annunci pubblicitari di carattere politico.

    Regole simili già esistono per la propaganda sulla stampa, in radio e in TV. La nuova legge propone di applicarle anche in Internet, inoltre toccherà non solo i messaggi pubblicitari ma anche i post sponsorizzati. Le misure proposte impongono che questi messaggi contengano menzioni "distinte e chiare" del genere "pagato dal candidato Smith".

    Inoltre, se per qualche materiale di carattere politico verrà speso più di 500 dollari all'anno, le compagnie dovranno indicare chi li ha spesi e anche conservare per quattro anni il materiale e le informazioni sul feedback.

    "Purtroppo le leggi americane sulla trasparenza nelle campagne elettorali non sono riuscite ad andare allo stesso passo con il progresso tecnologico, che ha permesso ai nostri avversari di usare i sotterfugi e influire impunemente sull'opinione di milioni di elettori americani", ha commentato le misure proposte John McCain.

    La legislazione americana sulle elezioni era approvata molto prima dell'epoca delle reti sociali e quindì non regola la necessita di pubblicare gli avvisi sulla propaganda politica. Google e Facebook si uniformeranno alle misure previste nel disegno di legge, sottolinea Politico. L'autore scrive che la nuova legge è la conseguenza delle indagini condotte negli USA riguardo "l'uso della Russia di Facebook, Twitter e Google per influire sul risultato delle elezioni del 2016". Durante le indagini si è scoperto che Mosca ha pubblicato tramite questi siti messaggi di propaganda con lo scopo di "seminare discordia sociale e odio razziale".

    Correlati:

    “USA hanno reso ostaggio della politica interna le questioni di sicurezza internazionale”
    A Mosca si commentano le dichiarazioni della Casa Bianca sulle relazioni Russia-USA
    Tutto dipende dal Cremlino: USA vorrebbero collaborare con Russia su Siria e Nord Corea
    Tags:
    elezioni, propaganda, Minaccia russa, interferenza, Legge, social network, Internet, Media, Russia, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik