06:58 18 Gennaio 2018
Roma+ 2°C
Mosca-9°C
    Banca Intesa Sanpaolo

    Compagnia ex capo Rosneft si impegna per progetto da $20 con Intesa San Paolo

    © AP Photo/ Luca Bruno
    Mondo
    URL abbreviato
    0 51

    La banca italiana e la filiale NNK hanno firmato un accordo di cooperazione nello sfruttamento del deposito di Paihakh sulla penisola di Taimyr.

    La società Taimyrneftegaz (filiale dell'azienda indipendente di idrocarburi di Eduard Khudainatov, capo di Rosneft da 2010-2012) si è accordata con la banca italiana Intesa sulla cooperazione nello sfruttamento del giacimento petrolifero di Paihakh situato sulla penisola di Taimyr.

    "Abbiamo firmato un accordo con Intesa Bank per la cooperazione congiunta sul progetto di Paihakh che prevede l'organizzazione e la preparazione del progetto per il finanziamento, l'attrazione degli investitori e la loro partecipazione al finanziamento del progetto" ha detto Khudainatov al forum Eurasiatico di Verona con gli investitori.

    Lo sfruttamento industriale del giacimento dovrebbe iniziare nel 2023 ed entro il 2028 si dovrebbero estrarre fino a 20 milioni di tonnellate di petrolio all'anno.

    "Per ora l'importo richiesto è stimato al momento intorno ai 5 miliardi di dollari, l'investimento totale per l'intero periodo del progetto è di $20,2 miliardi" ha detto Khudainatov, sostenendo che il progetto dovrebbe ripagare l'investimento in 9 anni dall'inizio della costruzione.

    Attualmente a Paihakh sono in corso i preparativi per lo sfruttamento del giacimento e in futuro, si prevede di costruire un terminale per l'esportazione di petrolio alla foce dello Yenisei.

    Correlati:

    Petrolio, Lukoil: ecco chi è interessato a raffineria italiana Isab
    Intesa Sanpaolo interessata alla privatizzazione della “Sovcomflot”
    Eni-Rosneft, rapporti a tutto gas
    Egitto, firmato accordo Rosneft-Eni per concessione Zohr
    Tags:
    Petrolio, risorse, estrazione petrolio, Petrolio, Rosneft, Intesa Sanpaolo, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik