14:50 18 Gennaio 2018
Roma+ 14°C
Mosca-7°C
    S-400 Triumf

    National Interest: l'America rimane a guardare mentre gli S400 si diffondono nel mondo

    © Sputnik. Sergey Pivovarov
    Mondo
    URL abbreviato
    6273

    La Russia ha sicuramente fatto un passo avanti nella fornitura dei complessi S-400 ad alcuni paesi della NATO e ai fedeli alleati degli USA.

    Scrive il The National Interest che l'America non è un reale concorrente per la fornitura di sistemi 400 e può solo rimanere a guardare come l'arma si diffonde nel mondo. La decisione dell'Arabia Saudita di comprare dalla Russia dei sistemi missilistici antiaerei S-400 Triumph è stata un colpo potente per gli USA e i loro alleati europei. Come scrive il The National Interest, ancora prima, la Turchia ha firmato con la Russia un accordo per 2,5 miliardi di dollari di acquisto per gli stessi armamenti. E ora Mosca conduce i negoziati con l'Egitto per la stesa fornitura.

    Come scrive il giornale, molti paesi con i complessi S-300, li cambiano con gli S-400. La ragione è che il complesso è in grado di usare missili intercettori di diversi tipi, può essere dotato di missili di quattro tipi di altissima gamma, a lungo raggio, medio e corto raggio, che possono essere usati su distanze dai 40 ai 400 km. Il complesso americano Patriot ha solo un missile anti-aereo con una gamma di avviamento di 96 km.

    Uno dei principali esperti del settore aerospaziale, Carlo Kopp, ha detto che un S-400 può essere dotato di radar di rilevamento e acquisizione obiettivi, è progettato per la distruzione dei moderni aerei stealth, come l'F-22 e F-35. Lavora su una vasta gamma di frequenze, tra cui quelle molto alte e altissime, ciò permette di rilevare caccia, invisibili ai radar.

    Uno dei vantaggi di un missile a lungo raggio del sistema 400 è che è in grado di colpire bersagli che si trovano al di fuori della zona di validità attiva dei mezzi di difesa aerea antimissilistica, ad esempio: i centri di comando degli aerei AVACS, usati dagli USA e dai loro alleati in Giappone, nella base aerea di Kadena e negli Emirati Arabi Uniti ad Al Dafre. Sono vulnerabili ai missili S-400, dunque hanno perso il vantaggio dell'irraggiungibilità contro i mezzi della difesa aerea nemica. 

    Conclude il giornale che la Russia ha sicuramente fatto un passo avanti, fornendo armi ad alcuni paesi della NATO, il cui futuro è incerto, come ad esempio Grecia e Turchia, e ai paesi fedeli agli USA, tra cui l'Arabia Saudita e stati del Golfo Persico. "La Russia ha compiuto un passo avanti importante in senso tecnico. Gli USA non hanno un reale concorrente per il sistema 400, sembra che non avvertano particolare allarme per questo, mentre osservano queste armi diffondersi per il mondo. Mi dispiace molto, ma ora è troppo tardi per fare qualcosa" conclude l'autore dell'articolo.

    Correlati:

    Il Pentagono ha commentato l'acquisto dei S400 russi da parte della Turchia
    S-400, i paesi che non li comprano cercano di copiarli alla Russia
    Russia, prima unità armata con S-400 nella regione del Volga
    Tags:
    Armi, Armi, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik