Widgets Magazine
23:03 17 Agosto 2019
Alexey Navalny

Corte di Strasburgo non vede motivazioni politiche nei processi in Russia contro Navalny

© Sputnik . Vladimir Astapkovich
Mondo
URL abbreviato
443

La Corte europea dei diritti dell'uomo non ha trovato alcuna "motivazione politica" nell'indagine della magistratura russa contro i fratelli Navalny, si legge in un comunicato del ministero della Giustizia.

Tuttavia la CEDU ha dichiarato che i diritti di Alexei e Oleg Navalny nel processo "Iv Roshe" sono stati violati ed hanno diritto ad un risarcimenti di 82mila euro. Secondo la Corte di Strasburgo, le indagini non si sono svolte in modo completamente giusto.

Il ministero della Giustizia russo non è d'accordo con la posizione dei giudici europei riguardo le "violazioni procedurali" durante l'inchiesta.

La decisione del tribunale non è ancora entrata in vigore. Entro 3 mesi, la parte russa deciderà se presentare appello alla Grande Camera della CEDU.

Nel dicembre 2014 i fratelli Navalny sono stati condannati per aver sottratto indebitamente più di 26 milioni di rubli (poco meno di 400mila euro) dalla società "Iv Roshe" ed altri 4 milioni di rubli (oltre 60mila euro) da una società fittizia, così come per il riciclaggio di 21 milioni di rubli (300mila euro). Il noto oppositore del Cremlino Alexey Navalny è stato condannato dalla magistratura russa a 3 anni e mezzo con la condizionale, mentre il fratello Oleg Navalny alla stessa durata della pena, tuttavia da scontare in carcere.

Correlati:

Russia presidenziali 2018, a dicembre i nomi dei candidati. Navalny estromesso
Russia, Navalny escluso dalle elezioni
Russia, arrestati attivisti pro Navalny in manifestazione non autorizzata a Vladivostok
Rilasciato l’attivista Alexey Navalny dopo 15 giorni di carcere
Navalny, ovvero il paradigma della “guerra ibrida”
Tags:
corruzione, Giustizia, Corte Europea dei diritti umani, Alexey Navalny, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik