19:33 21 Luglio 2018
Bandiera dell'Iran

Ministero Esteri tedesco: possibile unione dell'Europa e della Russia contro USA

CC BY 2.0 / Blondinrikard Fröberg / Iranian flag
Mondo
URL abbreviato
18371

Il ministro degli Esteri tedesco Sigmar Gabriel ritiene che l'eventuale rifiuto degli USA dell'accordo nucleare iraniano allontana l'Europa da Washington e fa avvicinare la Russia e la Cina. Lo riporta il sito RND.

"È fondamentale che l'Europa aderisca all'unanimità su questo tema. Dobbiamo dire agli americani che la loro politica riguardo l'Iran spinge noi europei a una posizione comune con la Russia e la Cina contro gli USA" ha detto il ministro, sottolineando che, in caso di rifiuto degli Stati Uniti, per l'accordo sul programma nucleare iraniano, la situazione potrà solo peggiorare, perché tornerà una diretta minaccia di una guerra tra Israele e l'Iran.

"La tragedia è che la transazione iraniana può trasformare il gioco della politica interna americana" ha detto Gabriel. Si prevede che Donald Trump spiegherà la sua "grande strategia" contro l'Iran venerdì. Il leader americano ha più volte detto che non esclude il blocco dell'accordo, mentre le restanti controparti dichiarano che intendono rispettare i termini della transazione. Teheran, a sua volta, ha riferito che rifiuterà gli accordi, se Washington, per prima, prenderà questa decisione.

L'Iran e "sei" mediatori internazionali, ovvero Russia, USA, Cina, Gran Bretagna, Francia, Germania, a luglio 2015, hanno raggiunto un accordo per risolvere la questione nucleare iraniana. È stato adottato un piano comune di azione globale, la cui esecuzione messa in atto da Teheran eliminerà sanzioni economiche e finanziarie da parte dell'ONU, degli USA e dell'Unione Europea. Il piano è entrato in vigore il 16 gennaio 2016.

Correlati:

Putin prevede di visitare l'Iran
Russia si offre mediatore nei colloqui tra Iran e Arabia Saudita
Trump accusa l’Iran di finanziare la Corea del Nord
Tags:
accordo nucleare, Donald Trump, Iran, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik