08:59 15 Dicembre 2017
Roma+ 16°C
Mosca+ 2°C
    Spazio

    L'umanità deve lasciare la Terra?

    © Fotolia/ Sdecoret
    Mondo
    URL abbreviato
    19144

    Ci sono diversi motivi per cui l'umanità ha la necessità di cercare un nuovo posto per vivere.

    In primo luogo la Terra ha risorse limitate e il loro consumo è recentemente aumentato in modo significativo. In secondo luogo le condizioni ecologiche del pianeta peggiorano anno dopo anno e forse in un futuro non così lontano le attività umane renderanno il mondo inadatto alla vita. In terzo luogo il Sole si trasformerà in una gigante rossa tra 5 miliardi di anni e brucerà i pianeti più vicini.

    Pertanto già ora gli scienziati stanno già pensando alla "grande migrazione" la cui ora inevitabilmente arriverà prima o poi.

    La ricerca di pianeti abitabili, il viaggio verso essi e la loro assimilazione richiederà molto tempo. L'uomo ha appena iniziato ad esplorare lo spazio ed ha già incontrato ostacoli che possono essere superati solo con l'aiuto della scienza.

    Al festival della Scienza all'Università Statale di Mosca (MGU) si è svolto un seminario con la partecipazione di Rupert Gerzer, rettore dell'Istituto Skolkovo di Scienza e Tecnologia (Skoltech), direttore dell'Istituto di Medicina Aerospaziale del Centro Aerospaziale Tedesco e professore dell'Istituto di Medicina Aerospaziale ad Aquisgrana.

    L'esperto ha parlato dei problemi che sono già sorti e possono trovarsi sulla strada dell'uomo durante la conquista dello spazio.

    Pericoli nel viaggio nello spazio

    Le prime difficoltà si trovano sulla strada per la conquista di nuovi habitat. La velocità dei razzi spaziali ci sembra enorme, ma per le distanze cosmiche è abbastanza piccola. Ad esempio, dalla Terra alla Luna ci separano 384mila chilometri e la distanza minima tra Marte e la Terra è di 56 milioni di chilometri!

    I primi problemi possono iniziare non appena sbarcati su Marte o un altro pianeta, ma proprio durante il viaggio spaziale. Inoltre abituarsi allo spazio può trovare problemi che gli scienziati in prima battuta non ipotizzano nemmeno.

    Può fungere da esempio la febbre spaziale. La temperatura corporea degli astronauti che si trovano nelle stazioni spaziali per oltre 6 mesi cresce di almeno 1°C, mentre in alcuni soggetti ha segnato una variazione di +3°C.

    Inoltre ci sono altri fattori che influenzano l'assenza di peso.

    "Fino al 60% degli astronauti dopo il volo ha avuto problemi oculari. Immagine a risonanza magnetica del globo oculare ha mostrato effetti sul tessuto connettivo e spostamento dei bulbi oculari. Appare appiattito per cui la luce non si fissa nella retina. Tutti i nervi e i vasi vasi sanguigni che vanno dal cervello all'occhio attraverso aperture nell'osso vengono premuti. qProbabilmente dovuto ad un aumento della pressione intracranica nello spazio. La NASA dice che è il problema numero quando ci si sposta su lunghe distanze nello spazio, come ad esempio dalla Terra verso Marte", afferma Rupert Gerzer.

    Casa alternativa per l'uomo

    Assumiamo che siete "allunati" o "ammarziati". I problemi non finiscono qui. Siamo terrestri. Siamo abituati alla gravità della Terra, abbiamo bisogno di acqua e aria con una determinata concentrazione di ossigeno. Inoltre siamo indifesi dalle radiazioni.

    "La radiazione è uno dei problemi sicuri che ci attendono su un altro pianeta, anche durante il viaggio spaziale. In una stazione spaziale siete sottoposti a 300 volte più sievert che sulla Terra, su Marte la dose sarà ancor maggiore! E' difficile prevedere esattamente cosa comporti e come le radiazioni ricevute sulla Terra, nello spazio e su Marte differiscano tra di loro. Gli astronauti hanno le probabilità di ammalarsi di tumore come le persone comuni, tuttavia ora hanno l'opportunità di trovarsi nello spazio solo poche centinaia di persone E' difficile raccogliere statistiche con queste cifre," — Rupert Gerzer.

    Quindi vale la pena lasciare la Terra?

    Tirando le conclusioni, Rupert Gerzer ha osservato che non vale la pena al momento pianificare la "grande migrazione".

    Occorre difenderla dai pericoli esterni (ad esempio, asteroidi), e dal devastante impatto umano sull'ambiente terrestre. E continuare ad esplorare attivamente lo spazio, pieno di molte nuove opportunità e pericoli.

    Correlati:

    Astronomi hanno rilevato “strani segnali radio alieni” da una stella vicina
    Gli scienziati sono vicini nel rivelare la natura dei "lampi radio alieni veloci"
    Sulla superficie esterna della ISS potrebbero esserci dei microorganismi alieni
    Ufologo sicuro, su un satellite di Marte trovata una base di alieni
    Tags:
    Umanità, Vita, Astrofisica, Spazio, Società, Astronomia, Scienza e Tecnica
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik