Widgets Magazine
20:55 15 Luglio 2019
Una foto di cranio

Scienziati russi realizzano modello virtuale di Homo sapiens vissuto 30mila anni fà

© Fotolia / Stockdevil
Mondo
URL abbreviato
161

Gli scienziati dell’Istituto di entnologia e antropologia RAN col sostegno del Festival russo della scienza “Nauka 0+” e lo studio Visual Science hanno realizzato un modello delle sembianze degli antichi uomini di Sungir, esemplare di Homo sapiens vissuto 30mila anni fa.

Sungir è il primo insediamento paleolitico del tipo recente più settentrionale d'Europa. I suoi abitanti sono considerati i possibili antenati degli attuali europei orientali e settentrionali. Ora i Sungiriani possono essere visti "dal vivo" grazie ad un'animazione scientifica 3D in realtà virtuale. Il modello tridimensionale è stato eseguito sulla base dei crani di due bambini di età compresa tra i 10 ei 13 anni, ritrovati in un sito di sepoltura a Sungir e sulla base di precedenti ricostruzioni dell'aspetto di persone che abitavano l'insediamento.

Al momento, Sungir è considerato l'insediamento preistorico più settentrionale di Homo sapiens in Europa. Gli archeologi iniziarono a scavare l'insediamento nella regione Vladimir nel 1956. Secondo gli esperti, Sungir era un campo di caccia stagionale.

Nel sito dell'insediamento sono stati ritrovati più di 80mila oggetti della vita di tutti i giorni e cerimoniali realizzati principalmente in osso, zanne di mammut, pietre e di canini di volpi polari. Tra i reperti ci sono oggetti decorativi: perline, ciondoli, figure zoomorfe, incisioni. Gli abiti degli abitanti di Sungir possono essere considerati i primi vestiti per sopravvivere nell'Artico.

Con l'applicazione di moderne tecnologie di ricostruzione è stata creata una simulazione al computer dell'aspetto abitanti di Sungir, ma anche sulla base dei dati a scansione laser ad alta precisione dei resti di queste persone. L'animazione in realtà virtuale mostra il processo di ricostruzione e visualizzazione strato per strato: il markup dei punti di controllo sul cranio, la sovrapposizione dei tessuti molli della testa, la ricostruzione della cartilagine del naso e le orecchie e, infine, l'aspetto finale.

Correlati:

Gli archeologi hanno scoperto un'antica città sommersa dopo uno tsunami
L'Interpol rifiuta di pubblicare le indagini sugli archeologi che lavorano in Karabakh
Archeologi scoprono il segreto della lunga sopravvivenza della prima civiltà umana
Cina: archeologi scoprono una spada antica più di 2mila anni. VIDEO
Tags:
Archeologia, Storia, Università, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik