21:48 15 Dicembre 2019
Aula del Consiglio della Federazione

Kosachev: Mosca potrebbe rispondere analogamente a pressioni sui media russi in USA

© Sputnik . Vitaliy Belousov
Mondo
URL abbreviato
5231
Seguici su

La Russia risponderà con misure speculari alle pressioni sui media russi in USA, ha dichiarato ai giornalisti il capo del comitato del Consiglio di Federazione per gli affari esteri Konstantin Kosachev.

All'inizio di settembre il Ministro della giustidizia USA ha obbligato i direttori di RT a registrare il canale come agente straniero entro il 17 ottobre nell'ambito delle indagini sull'ingerenza dei canale russo sulle elezioni americane. La compagnia sta licenziando dipendenti. Il caporedattore del canale, Margarita Simonyan ha riconosciuto che il canale sta sperimentando tale pressione solo negli Stati Uniti. Il Ministero degli esteri russo e i legislatori hanno già parlato della possibilità di adottare contromisure speculari alle azioni degli USA contro la Russia. A sua volta, il portavoce del presidente russo Dmitry Peskov ha detto che la Russia non esclude una risposta in  condizioni di reciprocità nel caso le persecuzioni contro i media russi in USA continuearanno.

"La Russia non intraprenderà azioni eccezionali in risposta alle azioni degli Stati Uniti, ma non ha intenzione di diventare un oggetto di sanzioni unilaterali. Washington deve sapere la Russia può adottare esattamente le stesse misure nei confronti dei media americani in Russia" ha detto Kosachev.

Egli ha sottolineato che le azioni di Washington limitano la libertà di stampa e hanno carattere antidemocratico.

"Tali misure non sono naturali per noi, ma si tratta dei nostri rapporti con i media e con gli USA" ha aggiunto Kosachev.

Correlati:

Cremlino spera che non resteranno nel silenzio le persecuzioni contro RT negli USA
Bloomberg: Google ha bannato RT dal pacchetto video Premium su YouTube
Simonyan: se la situazione peggiora, RT lascerà gli USA
Simonyan: illegali le richieste delle autorità americane nei confronti di RT
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik