20:28 25 Febbraio 2020
Mondo
URL abbreviato
11181
Seguici su

L'ambasciata russa in Regno Unito ha risposto ironicamente al giornalista britannico Gilles Wittell, il quale ha criticato la tecnologia spaziale russa.

Wittell ha scritto per il Times un reportage dedicato al primo astronauta britannico a bordo della Stazione Spaziale Internazionale Tim Peeke. In un'intervista, Peeke ha confessato di essere "un grande fan di Baikonur o, per lo meno, delle tecnologie sovietiche", il che non è passato inosservato al giornalista.

"Dai tempi del communismo non è praticamente cambiato nulla in quello che i russi usano per andare nello spazio. Hanno migliorato il computer sul loro migliore razzo, il Soyuz, ma rimane comunque meno potente di un Iphone" scrive Wittell.

L'ambasciata russa a Londra ha risposto alla dichiarazione del giornalista con un post su Twitter.

Correlati:

Sea Launch potrebbe essere preparato per “Soyuz 5” al posto dell’ucraino “Zenit”
Il lancio della navetta “Soyuz MS-05”. VIDEO
Oggi verrà lanciata da Bajkonur la navetta “Soyuz MS-05”
ISS, navicella spaziale "Soyuz-05 MS" e razzo vettore nella postazione di lancio
Tags:
Gran Bretagna, Media, Soyuz, Media, Spazio, Esplorazione dello spazio, ambasciata, The Times
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook