Widgets Magazine
17:53 20 Agosto 2019
Reattore termonucleare sperimentale internazionale ITER

Completata la fornitura russa di materiali superconduttori per il reattore ITER in Francia

© Foto: ITER
Mondo
URL abbreviato
161

La Russia ha eseguito la fornitura nell'ambito del progetto per la costruzione del reattore pilota a fusione nucleare ITER, l'International Thermonuclear Experimental Reactor, in Francia.

Lo ha detto ai giornalisti il direttore scientifico dell'Istituto elettrofisico di Novosibirsk, Oleg Filatov.

"Oggi la Russia ha rispettato i suoi impegni per la fornitura di materiali superconduttori, devo dire che i nostri materiali superconduttori sono riconosciuti come i migliori al mondo. Nell'ITER ci sono luoghi difficili, dove i sistemi magnetici funzionano in circostanze difficili, ecco, proprio per questi luoghi sono stati selezionati i materiali russi" ha detto.

Lo scienziato ha detto che la Russia sta costruendo anche gli elementi per una camera sotto vuoto, praticamente l'intero sistema di alimentazione, altri elementi interni, ovvero il 40% del rivestimento della camera di combustione del plasma e i sistemi diagnostici per il reattore. "Ora sono in consegna le sbarre conduttrici, ovvero gli elementi del sistema di alimentazione, verranno poste proprio adesso. Funziona tutto come un orologio. La Russia è l'unico partecipante del progetto di ITER.

Francamente, se avessimo fatto noi anche il reattore, avremmo già finito" ha detto il direttore. 

Per il contributo della Russia al progetto il costo è stato pari al 9,9% del totale del progetto ITER, dove la Russia ha istallato 25 sistemi. Ad aprile 2016, la Russia ha firmato un accordo definitivo per la fornitura di attrezzature ad ITER. In questo modo, la controparte russa ha completato il processo di preparazione e la ratifica degli accordi per tutti i sistemi nel settore di sua responsabilità. ITER è un reattore sperimentale, che deve riprodurre i processi che avvengono sul Sole e le altre stelle, per dimostrare la possibilità di utilizzare il potenziale della fusione nucleare come fonte di energia elettrica. I partecipanti al progetto sono UE, USA, Cina, Giappone, India, Russia e Corea del Sud.

L'accordo per la creazione dell'organizzazione internazionale ITER è entrato in vigore nel 2007. L'organizzazione è stata istituita con l'obiettivo di garantire e sostenere la cooperazione tra i membri del progetto. Il consiglio di ITER nel giugno del 2016 ha approvato un nuovo programma di avvio di ITER, il primo plasma arriverà nel mese di dicembre 2025.

Correlati:

Entro il 2022 l'Iran completerà la ricostruzione del reattore ad acqua pesante
Rosatom collauderà reattore per la produzione di molibdeno-99 nel 2018
Autorità ucraine fanno luce su perdita di fumo in reattore di Chernobyl
Tags:
fornitura, nucleari, Francia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik