16:18 08 Dicembre 2019
Caschi blu

Sono rimasti a combattere: gli stupri degli operatori di pace

© AFP 2019 / Pacome PABANDJI
Mondo
URL abbreviato
4016
Seguici su

Gli operatori di pace violentano le donne e le ragazze impunemente.

"Le forze di pace delle Nazioni Unite sono considerate parte del problema della tratta di esseri umani, non come parte della soluzione" si leggeva in un comunicato del dipartimento per il mantenimento della pace delle Nazioni Unite del 2004. I Caschi blu spesso diventano "eroi" di scandali sessuali, secondo un'indagine dell'Associated Press, che ha rivelato che nel periodo dal 2005 al 2017 i cooperatori delle Nazioni Unite sono stati accusati di duemila atti di violenza sessuale.

Se questi scandali hanno un epicentro, esso, senza dubbio, si trova nella Repubblica Democratica del Congo.

Questo paese ospita il più grande contingente delle Nazioni Unite nel mondo, per il suo mantenimento ogni anno viene speso un miliardo di dollari. Delle duemila vittime di violenza sessuale in questo paese ci sono settecento donne e ragazze. Nessuno persegue questi reati, che vengono trasmessi al paese in cui ci sono gli operatori di pace, e dove le forze dell'ordine non hanno alcuna fretta di arrestare nessuno.

 

Correlati:

Germania, il Cremlino ordinerebbe gli stupri ai rifugiati per detronizzare la Merkel
Onu, Guterres: bene passi verso disarmo nucleare di Stati Uniti e Russia
Venezuela, Arreaza: Trump ci ha dichiarato guerra durante discorso all’Onu
Venezuela, Maduro diserta l'Assemblea Generale Onu perché ha paura di essere ucciso
Tags:
Violenza sessuale, Stupri, ONU, Repubblica democratica del Congo
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik