11:11 24 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
9260
Seguici su

Gli Stati Uniti sono interessati a destabilizzare la situazione in Asia centrale, si aspettano che questo "rompere" la situazione in Russia, data la "trasparenza" dei confini tra i paesi della CSI e la Russia, ha detto il primo vicepresidente della commissione federale per la difesa e la sicurezza Franz Klintsevich.

Gli USA hanno un interesse diretto a destabilizzare l'Asia Centrale attraverso l'uso dello Stato Islamico. Gli americani ritengono che questo permetterebbe loro di indebolire la Russia grazie alla trasparenza dei confini tra Russia e i paesi CSI.

Come obiettivo a lungo termine di questa strategia gli americani vogliono indebolire la Cina.

Secondo Klintsevich un chiaro interesse politico della Russia è quello di considerare la propria sicurezza legata indissolubilmente alla sicurezza dei paesi dell'Asia Centrale. Garantire la sicurezza antiterroristica dei paesi dell'Asia centrale è una condizione necessaria per garantire la sicurezza in Russia" ha detto.

Il Senatore ha affermato che nuove sfide richiedono ai paesi dell'Eurasia una cooperazione militare e operativa antiterroristica e una collaborazione politica nella lotta al terrorismo.

Egli ritiene che questi temi saranno al centro dell'attenzione della conferenza internazionale, che si aprirà il 29 settembre a Dushanbe. Sarà dedicata alla lotta contro il terrorismo e l'estremismo in Eurasia e l'uso di esperienze congiunte.

Secondo Klintsevich, la conferenza si concentrerà sul "punto di svolta", ovvero quando i terroristi dello Stato Islamico perdendo i loro territori dovranno concentrarsi su metodi di guerra "asimmetrici".

Tags:
Terrorismo, Stato Islamico, CSI, Franz Klintsevich, Asia centrale
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook