16:07 19 Novembre 2019
Boeing della Turkish Airlines

Tutti i voli internazionali verso il Kurdistan saranno annullati

© flickr.com/ Woodys Aeroimages
Mondo
URL abbreviato
541
Seguici su

Tutti i voli internazionali verso il Kurdistan iracheno saranno sospesi a partire dalla sera di venerdì 29 settembre. Lo riferisce l'agenzia stampa AFP.

Numerose linee aeree internazionali hanno già annunciato la cancellazione dei voli verso gli aeroporti di Erbil e Sulaymaniyah fino al primo ottobre. Tra questi ci sono: Qatar Airways, Egypt Air, Middle East Airlines, Royal Jordanian Airlines, Emirates Fly Dubai, Pegasus, Atlas Global e Turkish Airlines.

Questa decisione è stata presa dalle compagnie aeree su richiesta di Baghdad, dopo il referendum sulla secessione del Kurdistan di tre giorni fa in cui quasi il 93% degli elettori ha votato per separarsi dall'Iraq.

Malgrado attualmente i voli si effettuano in tutta normalità, negli aeroporti si sono già formate code di passeggeri allarmati.

Le autorità curde, dal canto loro, hanno affermato di non annunciare l'indipendenza della regione nel prossimo futuro e sono aperti al dialogo per trovare una via d'uscita dalla crisi. Ma il governo centrale ritiene che il plebiscito sia illegittimo e si rifiuta di negoziare.

Minacciando di bloccare lo spazio aereo della regione, mercoledì il parlamento iracheno ha emesso un ultimatum, secondo cui le autorità curde dovrebbero trasferire il controllo a Baghdad sulle frontiere e gli aeroporti del Kurdistan.

Contro l'indipendenza curda si sono espressi anche i paesi confinanti: la Turchia e l'Iran. Le autorità dell'autonomia non hanno ottenuto il sostegno né dell'ONU né della comunità internazionale.

Correlati:

Kurdistan, Mosca conferma sostegno a integrità territoriale Iraq
Kurdistan, aviazione civile irachena sospende voli da e per Erbil e Sulaymaniyah
Iran rafforza difesa aerea al confine col Kurdistan iracheno
Tags:
Referendum, Indipendenza, cancellazione, collegamenti aerei, voli, Iraq, Kurdistan
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik