03:07 14 Dicembre 2019
La sede dell'OPAC.

Russia: Damasco rispetta l’obbligo dell’eliminazione delle armi chimiche

© AP Photo / Peter Dejong
Mondo
URL abbreviato
350
Seguici su

Non c’è stata nessuna violazione da parte di Damasco nell’ambito dei suoi obblighi per la distruzione del suo arsenale di armi chimiche, ha dichiarato il direttore del dipartimento per le questioni per la non proliferazione e controllo degli armamenti del Ministero degli esteri russo Mikhail Ulyanov.

"In realtà non c'è stata nessuna violazione da parte della Siria, nessuno ha mai trovato traccia di sostanze chimiche nascoste agli occhi dell'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPAC)" ha dichiarato al diplomatico russo durante la conferenza stampa con MIA Rossiya Segodnya.

Ha sottolineato che una serie di paesi usano la scusa della armi chimiche come strumento "per raggiungere obiettivi politici in qualità di pressione su Damasco" il risultato del quale è stata una spaccatura nell'OPAC.

Secondo Ulyanov gli specialisti del meccanismo congiunto ONU-OPAC non entrano nella regione della Siria da anni, e dunque secondo lui non viene condotta nessuna indagine.

Correlati:

Siria: distrutti ultimi due siti per la produzione di armi chimiche
Russia chiede indagini su forniture di armi chimiche occidentali in Siria
OPAC rifiuta di inviare esperti per indagine su attacchi chimici a Idlib
Siria: rapporto OPAC sulle armi chimiche basato su dati dei terroristi
Tags:
Armamenti, Armi chimiche, Armi chimiche, Indagine sulle armi chimiche in Siria, Uso armi chimiche in Siria, il ministero degli Esteri, Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche - OPAC, ONU, Mikhail Ulyanov, Siria, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik