23:55 19 Ottobre 2018
Il recente test missilistico della Corea del Nord

Esperto: le probabilità di test nucleare di Pyongyang in risposta a Trump sono pari a zero

© REUTERS / KCNA
Mondo
URL abbreviato
844

Le probabilità che la Corea del Nord realizzi le sue minacce di testare la più potente bomba a idrogeno in risposta al discorso del presidente americano Donald Trump sono pochissime secondo Dmitry Streltsov, capo del Dipartimento di Studi Orientali presso l'Istituto di Stato per le Relazioni Internazionali di Mosca (MGIMO).

In precedenza, parlando alle Nazioni Unite, Trump ha definito il leader nordcoreano "Un uomo-razzo (Rocketman), in preda di una missione suicida." Il leader americano ha anche affermato che se la Corea del Nord minaccia gli Stati Uniti, verrà distrutta. Venerdì mattina è stata resa pubblica la dichiarazione di Kim Jong-un, nella quale il leader coreano ha definito il discorso di Trump alle Nazioni Unite, "un delirio totale", e lo stesso presidente americano "un vecchio sclerotico" e ha promesso di "prendere le contromisure più severe nella storia". Poi a New York, il Ministro degli esteri della Corea del Nord Ri Yong-ho ha detto che le possibili risposte al discorso Trump potrebbe essere il più potente test di una bomba all'idrogeno nell'Oceano Pacifico.

Streltsov crede che le possibilità che la Corea rispetti la sua promessa siano pari a zero. "Senza ombra di dubbio i coreani non vogliono suicidarsi e nessuno vuole la distruzione mutua assicurata" ha detto a RIA Novosti.

Secondo l'esperto Pyongyang cerca qualche formula per garantire la propria sopravvivenza, "il che si manifesta nella forma più estrema". "Mi sembra che tali affermazioni non causino molta sorpresa, in quanto la Corea del Nord ha usato per molto tempo un vocabolario e una retorica estremamente scioccanti nelle sue dichiarazioni di politica estera. In generale, in alcune dichiarazioni si spingono al limite del decoro" ha aggiunto la fonte dell'agenzia.

A detta sua, Pyongyang non applica l'etichetta diplomatica. Streltsov ha sottolineato che con tale pratica Pyongyang ha l'obiettivo non tanto di dimostrare la serietà delle intenzioni della Corea del nord, quanto in una certa misura, dare un segnale al proprio popolo. "In queste condizioni, quando la Corea del Nord non ha a disposizione altri strumenti di pressione diplomatica su altri paesi, i suoi diplomatici usano tale retorica" ha aggiunto.

L'esperto ha sottolineato che dopo gli ennesimi test nucleari e lanci di missili lo scambio di dichiarazioni tra Corea del Nord e USA "è caratterizzato da un livello elevato di questo tipo di retorica e di insulti reciproci, di provocazioni reciproche". "Possiamo ricordare che il leader della Corea del Nord ha ripetutamente promesso di distruggere gli USA e mostrando anche un video, dove la Casa Bianca viene distrutta da un'esplosione nucleare, quindi penso che qui non c'è nulla di particolarmente straordinario", ha concluso il Streltsov.

Il 3 settembre, la Corea del Nord ha annunciato il successo del test di una testata a idrogeno per missili balistici intercontinentali. La potenza della testata è di 120-160kt, che è diverse volte superiore alle bombe atomiche sganciate su Hiroshima e Nagasaki nel 1945. Questo è il sesto test nucleare di Pyongyang. Una settimana prima, la Corea del Nord ha testato un missile balistico che ha attraversato il Giappone.

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ieri ha imposto all'unanimità nuove sanzioni contro la Corea del Nord, che limitano le possibilità di esportazione e importazione di Pyongyang. La risoluzione 2375 ha imposto il più rigoroso regime di sanzioni delle Nazioni Unite nel XXI secolo.

Le limitazioni riguardano le forniture in Corea del Nord di prodotti petroliferi: fino a 500mila barili dal 1° ottobre al 31 dicembre e fino a due milioni di barili in tutto il 2018 su tutti i tipi di petrolio raffinato. Pyongyang non può importare una quota di greggio superiore a quella degli ultimi 12 mesi. Inoltre, la Corea del Nord non è in grado di acquistare gas condensato e liquido e vendere prodotti tessili. A tutti i paesi è vietato rilasciare permessi di lavoro per i cittadini della repubblica.

Correlati:

Corea del Nord, Trump: Kim Jong-un sarà testato come mai prima
In Russia si commentano le nuove sanzioni unilaterali USA contro la Nord Corea
Nucleare, Nebenzia: Usa fuori da JCPOA? Pessimo segnale a Corea
Nord Corea valuta test nucleare "mai visto" nel Pacifico come reazione ad azioni di Trump
Tags:
Relazioni Internazionali, relazioni, relazioni diplomatiche, diplomazia, MGIMO, Ri Yong-ho, Donald Trump, Kim Jong-un, Corea del Nord
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik