20:17 20 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
1160
Seguici su

La Bulgaria durante il turno della sua presidenza del Consiglio dell'Unione Europea intende richiedere l'annullamento delle sanzioni anti-russe, ha detto il primo ministro del paese balcanico Boyko Borisov, dopo un incontro con la collega polacca Beata Sdyzlo.

"Con calma e in modo pragmatico la soluzione deve essere trovata. Se troviamo abbastanza argomenti, uniamo gli sforzi per raggiungere un compromesso, andrà bene. Ma è necessario mantenere l'unità" ha detto il premier, aggiungendo che "nulla è ancora deciso, per ora ci sono solo idee e molto lavoro da fare".

Borisov ha sottolineato che è ancora in atto una conversazione con il primo ministro greco Alexis Tsipras, che ha promesso di sollevare la questione delle sanzioni anti-russe al Consiglio dell'EU.

La premier polacca a sua volta ha detto che la Polonia e i paesi baltici sono preoccupati per ciò che sta accadendo in Russia e in Ucraina. Secondo lei, Varsavia supporterà il ritiro delle sanzioni solo dopo l'attuazione degli accordi di Minsk sull'Ucraina. Borisov ha più volte dichiarato che le sanzioni dell'Unione Europea contro la Russia non hanno sortito l'effetto voluto e con Mosca c'è bisogno di costruire relazioni normali e pragmatiche. La Bulgaria presenzierà il Consiglio UE nella prima metà del 2018.

 

Correlati:

Grecia e Bulgaria sono pronte a fare da "ponte" tra l'Unione Europea e la Russia
Serbia, Vucic: Mosca darebbe aiuto a Belgrado nella costruzione di gasdotto dalla Bulgaria
South Stream, Ungheria: Dopo elezioni Bulgaria potrebbe rivedere il progetto
Tags:
Sanzioni contro la Russia, ONU, Bulgaria
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook