06:33 08 Dicembre 2019
Margarita Simonyan, caporedattore di Rossiya Segodnya

La Simonyan risponde alle accuse dell'ex-ambasciatrice USA all'ONU contro la Russia

© Sputnik . Vitaly Belousov
Mondo
URL abbreviato
6351
Seguici su

La redattrice capo di Sputnik ed RT ha commentato l'editoriale dell'ex ambasciatrice americana alle Nazioni unite, Samantha Power, che accusa la Russia di usare la dipendenza USA dalle nuove fonti di informazione.

Sul New York Times la Power ha scritto che "la Russia utilizza abilmente la nostra crescente dipendenza da nuove fonti di informazione, ma anche la mancanza di quelli che potrebbero svolgere il ruolo di terzi giudici". Secondo lei, l'anno scorso, "le autorità russe, con le loro risorse informative in lingua inglese, il canale televisivo RT e la redazione del portale Sputnik, hanno aumentato il loro pubblico, coinvolto un intero esercito di "troll", hanno usato bot, così come migliaia di account su Twitter e Facebook, per diffondere informazioni per screditare Hillary Clinton". Power ha osservato che, a quanto pare, "in Europa la Russia usa gli stessi metodi".

"Gli americani hanno inventato i social network e poi hanno litigato tra di loro, ecco perché tutti dovrebbero avere paura della propaganda russa" ha detto la redattrice capo di RT. La Russia ha ripetutamente smentito le accuse dei servizi segreti americani del tentativo di influenzare le elezioni americane. La Simonyan ha detto che in queste accuse scagliate contro RT non c'è una parola di verità, il portavoce del presidente Dmitry Peskov non ha escluso che si tratta di un tentativo di denigrare i media. 

Nel mese di novembre dello scorso anno il Parlamento europeo ha adottato una risoluzione in cui si parla della necessità di contrastare i media russi, come principali minacce nel documento si citano Sputnik e RT. Una serie di politici occidentali, tra cui senatori e deputati USA, il presidente Emmanuel Macron, hanno accusato Sputnik e RT di ingerenza nelle elezioni in Francia e USA, tuttavia, non hanno mostrato prove. Per gli ufficiali russi queste dichiarazioni sono infondate.

Il presidente Vladimir Putin, commentando l'approvazione di una risoluzione del Parlamento europeo, si è congratulato con i giornalisti di RT e Sputnik per l'efficace lavoro, sottolineando che il documento testimonia l'evidente degrado dei concetti di democrazia nella società occidentale. Putin spera nel buon senso e che non ci sarà limitazione per i media russi. 

Correlati:

Twitter non parteciperà al progetto di sorveglianza sulla propaganda russa
Tillerson si rifiuta di spendere fondi stanziati da Congresso contro “propaganda russa”
Washington Post esorta Trump a reagire alla propaganda russa negli Stati Uniti
Tags:
Propaganda, RT, Margarita Simonyan, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik