15:22 16 Luglio 2020
Mondo
URL abbreviato
3220
Seguici su

Secondo il canale televisivo Rudaw, tra i jihadisti uccisi c'erano diversi leader del movimento terroristico.

Le forze aeree dell'Iraq hanno eliminato oltre 300 combattenti dello "Stato Islamico" durante i raid in prossimità del confine siriano.

Nell'ultima settimana l'aviazione irachena ha colpito e completamente distrutto 42 bersagli dell'ISIS. A seguito degli attacchi aerei sono rimasti uccisi 306 islamisti, inclusi leader del movimento terroristico, e decine di combattenti sono stati feriti.

I raid sono stati compiuti nei pressi di Akashat e Al-Qaim e An, città controllate dalle forze del sedicente Califfato, e nella provincia occidentale di Anbar.

Inoltre, come riportato dal canale riferendosi ai dati d'intelligence, 6 bombardamenti dei caccia iracheni hanno colpito le strutture del Daesh in territorio siriano.

Nel fine settimana i militari iracheni avevano annunciato la completa liberazione del distretto di Akashat, a 20 chilometri dal confine siriano. Ora l'esercito iracheno insieme con i gruppi sciiti e sunniti alleati sta ripulendo la zona dalle residue sacche di resistenza dei terroristi.

L'obiettivo è riprendere il pieno controllo della provincia di Anbar lungo in confine con la Siria.

Correlati:

ISIS sconfitto a Mosul, ma la "guerra per procura" in Iraq continua
Iraq: la coalizione USA respinge attacco Daesh a base militare a Al-Hawija
Esercito iracheno lancia operazione contro l'ISIS al confine con la Siria
Tags:
Terrorismo, Confine, Daesh, Siria, Iraq
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook