Widgets Magazine
18:21 17 Luglio 2019
Investigatori forensi alla stazione della metro Parsons Green a Londra.

Media: i sospetti organizzatori attentato a Londra potrebbero essere rifugiati

© REUTERS / Hannah McKay
Mondo
URL abbreviato
213

I sospetti arrestati per l’attentato terroristico nelle metro di Londra sono presumibilmente dei rifugiati da Iraq e Siria comunica il Telegraph.

Sabato nella regione del porto di Dover i poliziotti hanno arrestato un ragazzo di 18 anni. Nella stessa giornata nel distretto londinese di Hounslow è stato arrestato un altro ragazzo di 21 anni.

Secondo il Telegraph il 18enne è arrivato in Gran Bretagna dall'Iraq alcuni anni fa. Il secondo invece incensurato, Yahya Farrukh viene dalla Siria.

Entrambi sono stati cresciuti dalla coppia di anziani Penny e Ron Jones. La coppia è conosciuta nel Regno Unito in quanto per buona parte della vita si è stata impegnata nell'educazione di centinaia di figli di altre persone. Nel 2009, la regina Elisabetta II ha assegnato alla coppia gli ordini dei cavalieri dell'Impero Britannico.

Secondo i media Farrukh qualche tempo fa si è trasferito in un'altra casa, mentre il secondo ha continuato a vivere con i Jons. È stato diverse volte interrogato dalla polizia, e i membri della famiglia comunicavano delle difficoltà di educazione con l'adolescente.

Due settimane  prima dell'attentato le forze dell'ordine lo avevano riportato il giovane a casa.

Venerdì durante l'ora di punta alla stazione della metro Parsons Green nell'ovest di Londra è avvenuta un esplosione. Sono rimaste ferite 30 persone, hanno ricevuto ustioni e ferite non gravi. Secondo la polizia l'ordigno non è esploso con la massima potenza.

Correlati:

Esplosione nella metro di Londra (DIRETTA VIDEO - AGGIORNAMENTI)
Incubo terrorismo, Londra inasprisce regole per noleggio auto dopo attacco di Barcellona
Guardian rivela, Londra voleva guadagnare denaro dalla guerra del Golfo
Tags:
Gran Bretagna, Terrorismo, Attentato, Attentato, Terroristi tra i profughi, Attentato, Polizia, Londra
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik