03:50 20 Giugno 2018
Jens Stoltenberg

Nato, Stoltenberg: intensificato monitoraggio situazione Penisola coreana

© AP Photo / Virginia Mayo
Mondo
URL abbreviato
9111

“Rafforzata nostra collaborazione con Corea del Sud e Giappone”.

La Nato ha intensificato il monitoraggio della situazione nella Penisola coreana e degli sviluppi sui test missilistici da parte della Corea del Nord. Lo ha detto in un'intervista con RIA Novosti il segretario generale dell'Alleanza, Jens Stoltenberg.

"Stiamo rafforzando la nostra collaborazione con i partner della regione, in particolare con la Corea del Sud e il Giappone. Abbiamo avuto diverse riunioni con i nostri partner nella NATO negli ultimi mesi", ha precisato.

Il segretario generale ha anche dichiarato che la Nato accoglie con favore l'approvazione della nuova risoluzione da parte del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulla Corea del Nord.

Alla domanda se la Corea del Nord sia in grado di attaccare gli Stati Uniti, Stoltenberg ha risposto: "stanno sviluppando tali capacità, e questo è esattamente ciò che preoccupa non solo gli Stati Uniti e la Nato ma l'intera comunità internazionale: è una minaccia per la pace e la sicurezza globale che deve essere fronteggiata con una risposta globale. Pertanto, accolgo con favore la decisione dell'Onu sull'adozione di sanzioni economiche: ed è importante siano pienamente attuate da tutte le nazioni. Il programma missilistico di Pyongyang e i suoi programmi nucleari violano numerose risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e stanno destabilizzando l'intera regione determinando una tensione crescente".    

Correlati:

Ex comandanti forze nucleari: servono negoziati con Corea del Nord e dialogo Russia-NATO
Corea del Nord respinge nuove sanzioni del Consiglio di sicurezza ONU
Stoltenberg: le azioni della Corea del Nord hanno bisogno di una risposta globale
Tags:
Situazione della penisola coreana, Consiglio di Sicurezza ONU, NATO, Jens Stoltenberg, Corea del Sud, Corea del Nord, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik