Widgets Magazine
10:56 25 Agosto 2019
Richard McLaren, l'accusatore del sistema doping in Russia

Doping, WADA scagiona 95 atleti russi: “legittime richieste di danni materiali e morali”

© REUTERS / Peter Power
Mondo
URL abbreviato
10410

L'agenzia internazionale antidoping ha archiviato l'inchiesta contro 95 atleti russi tirati in ballo dal dossier McLaren, in cui il giurista canadese aveva sostenuto l'esistenza di un programma di doping di Stato organizzato dal governo russo, scrive il New York Times.

Su radio Sputnik il giurista di diritto sportivo Sergey Alekseev ha rilevato che l'archiviazione dell'inchiesta può incentivare gli atleti russi ad avviare denunce per danni.

"Non ci sono state prove sufficienti per affermare che questi 95 atleti abbiano violato le norme antidoping", ha dichiarato il direttore generale della WADA Olivier Niggli.

Il dossier McLaren in particolare sostiene che più di un migliaio di atleti russi abbiano preso parte al programma di doping dello Stato russo. Le informazioni del rapporto sono state sfruttate per l'avvio dei lavori di commissioni speciali d'inchiesta del Comitato Olimpico Internazionale (CIO). I risultati delle inchieste dovrebbero essere esposti il prossimo ottobre.

Per essere stati citati nel dossier McLaren, molti atleti russi sono stati sospesi dalle gare, Olimpiadi e Paralimpiadi comprese.

Su Radio Sputnik il giurista sportivo e direttore del gruppo di legali sportivi dell'Associazione degli Avvocati della Russia Sergey Alexeev ha osservato che l'archiviazione dell'inchiesta da parte della WADA contro gli atleti russi dà loro motivo per recarsi in tribunale e chiedere risarcimenti.

"E' un ottimo evento dal punto di vista legale. Naturalmente nel lungo periodo questi atleti verranno assolti.

Ma purtroppo il vero motivo di questo attacco sul doping contro la Russia era non far gareggiare gli atleti russi in un determinato momento.

Detto in altri termini è una privazione di un vantaggio e un abuso di esclusione dalle competizioni. Sì, gli atleti verranno riabilitati nei loro diritti. Ma questo conto pagato dagli atleti per le conclusioni inadeguate, infondate e illegali di McLaren richiede ulteriori azioni legali per risarcire le perdite.

E' legalmente logico cercare di chiedere risarcimenti sia materiali che morali", ha dichiarato Sergey Alekseev.  

Correlati:

Mclaren ammette l'assenza di sostegno statale per il doping in Russia
CIO rifiuta di riconoscere le accuse del rapporto McLaren
Doping, CIO: per WADA insufficienti le prove di colpevolezza dei russi nel dossier McLaren
RT: Il CIO chiede a McLaren le prove per il caso doping russo
Doping, Russia al contrattacco: dossier McLaren è falsificato
New York Times accusa, in USA doping diffuso per molti anni nell'omertà
Sport, USA al primo posto per casi di doping
Tags:
Russofobia, Giustizia, Sport, doping, CIO, WADA, Richard McLaren, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik