12:35 21 Settembre 2017
Roma+ 23°C
Mosca+ 13°C
    Un investitore alla borsa di Shangai

    La Cina è diventata l'azionista più grande in Europa

    © AFP 2017/ STR
    Mondo
    URL abbreviato
    159761

    Dal 2000 al 2016 la Cina ha speso 101,386 miliardi di euro in investimenti diretti esteri in Europa. Il dato viene riportato dalle indagini dell’Istituto di studi contemporanei e di ricerca applicata per la Cina, The Mercator Institute for China Studies (MERICS). Il centro è stato fondato nel 2013 e ha sede a Berlino.

    Gli stati più allettanti per gli investitori cinesi sono stati la Gran Bretagna, la Germania, l'Italia, la Francia, la Finlandia e il Portogallo.

    Nel 2016 nella grande "troika" sono stati fatti il 59% degli investimenti diretti esteri (IDE) dalla Cina. Il dato del 2016 sugli investimenti diretti cinesi nella "troika" è stato superato nel 2009 col 71,1%, nel 2011 col 59,9% e nel 2013 col 65,2%.

    Francia, Germania e Gran Bretagna sono tradizionalmente al primo posto degli investimenti diretti esteri in Europa. Al secondo posto nel 2016 si è piazzata l'Europa settentrionale dove sono giunti il 27% degli IDE cinesi.

    Al terzo posto nel 2016 si è piazzata l'Europa meridionale con il 10% degl IDE cinesi. Ha ceduto il suo secondo posto del 2015 dove gli IDE cinesi avevano superato il 40%. Ha occupato lo stesso posto nel 2013 e nel 2014.

    L'esperto dell'Istituto russo del mercato azionario e della gestione Michael Belyaev ritiene, in generale, che queste tendenze siano giustificate:

    "Il gruppo dei paesi europei meridionali spicca. Questi sono paesi con un rischio elevato, ma allo stesso tempo, dove maggiore è il rischio, maggiori sono i potenziali profitti. Ma poiché in tutta la politica cinese svolgono sempre un ruolo essenziale i fattori e le ragioni politiche, in nessun caso sarebbe possibile abbandonare l'Europa meridionale. Questa regione si trova ora in una situazione difficile, ma questo non significa un domani il paese sarà nella stessa posizione".

    Tra i 140 attivi nei quali i cinesi hanno investito dai 500 milioni ai 15 miliardi di dollari nel 2017 figurano: Outfit7 Investments, Hi-Tech, Regno Unito; Logicor, immobiliare, Regno Unito; Autostrade per l'Italia, infrastrutture, Italia; Glencore Storage & Logistics, settore industriale, Svizzera, Carlson Hotels Inc, alberghi, Francia.

    Come risultato di questi investimenti la Cina risulta la proprietaria più grande d'Europa. Nel 2016, l'Europa per la prima volta ha soppiantato gli Stati Uniti nell'elenco degli acquisti delle attivi delle imprese cinesi nel mercato delle fusioni e acquisizioni.

    Correlati:

    Cina, programma intensivo per sviluppo bioetanolo
    “Interessi diversi per Cina e Russia, ma non vogliono crollo del regime in Nord Corea”
    Russia-Cina, a Vladivostok firmati accordi per 5,5 mld dollari
    Cina: ecco perché investire in Estremo Oriente
    Tags:
    Economia, Investimenti esteri, Investimenti, investimenti, Europa, Cina
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik