04:18 21 Luglio 2018
Sputnik

La persecuzione di Sputnik negli USA viola la libertà di informazione

© Sputnik . Konstantin Chalabov
Mondo
URL abbreviato
1170

L'indagine americana sull'agenzia Sputnik e l'interrogatorio al suo ex dipendente mettono in discussione il principio della libertà di diffusione delle informazioni.

Lo ha detto a Ria Novosti il vice segretario della Camera Pubblica russa Sergey Ordzhonikidze. Il portale Yahoo News, citando fonti anonime, ha riferito che l'FBI ha interrogato l'ex dipendente di Sputnik Andrew Feinberg nell'ambito di un'inchiesta dei messaggi che l'agenzia ha "trasmesso presumibilmente" come organo della propaganda, violando la legge americana FARA sugli agenti stranieri. 

Il sito sostiene che l'FBI ha ottenuto l'accesso alla corrispondenza di Sputnik di Feinberg e di un altro ex dipendente dell'ufficio di Washington, Joseph John Fiondi. 

"Questo si chiama intimidazione, elementare intimidazione dei rappresentanti dei media che, come meglio credono, trasmettono le informazioni che a loro non piacciono. Questa è una violazione del principio della libertà di ricezione e di distribuzione delle informazioni, fissato dall'atto di Helsinki" ha sottolineato Ordzhonikidze.

L'FBI non replica da due giorni alla richiesta ufficiale circa le indagini in corso sull'agenzia.

Correlati:

Simonyan su FBI contro Sputnik: la libertà di parola si rivolta nella tomba
L'FBI interroga l'ex-dipendente di Sputnik sulle comunicazioni interne
Corrispondente di Sputnik a Mosul finisce sotto il fuoco di un cecchino
Tags:
interrogatorio, FBI, Sputnik, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik