16:55 04 Luglio 2020
Mondo
URL abbreviato
11221
Seguici su

La portavoce ufficiale del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha commentato la dichiarazione di Angela Merkel sulla Crimea paragonata alla riunificazione della Germania.

In precedenza, in un'intervista al quotidiano Frankfurter Allgemeine, la cancelliera federale ha dichiarato che, a suo parere, riconoscere l'annessione della Crimea alla Federazione Russa è come accettare l'esistenza di due stati tedeschi ai tempi della Repubblica democratica tedesca, invece che cercare la loro riunificazione. La Zakharova ha ricordato la reazione in sala durante la conferenza di Monaco nel 2015, quando Sergey Lavrov ha paragonato l'adesione della Crimea al contesto di unificazione della Germania.

"Chi poteva immaginare un paio di anni fa, che la cancelliera avrebbe risolto un dilemma complesso menzionando l'unificazione della Germania? Infatti, nel 2015 Sergey Lavrov nella conferenza di Monaco, parlando della Crimea e del referendum, ha ricordato che "la riunificazione della Germania è accaduta senza alcun referendum, ma ne siamo stati attivi sostenitori". In sala è stato fischiato. Ora questo è il paragone dell'unificazione della Crimea e della Germania dal punto di vista tedesco", ha scritto la portavoce su Facebook, che ha osservato che la dichiarazione è ulteriore "cemento armato" su un argomento che "chiaramente indica la giustizia storica di quanto accaduto".

"La volontà del popolo ha scelto Russia e Crimea, non Crimea e Ucraina" ha scritto la portavoce che ha anche scherzato sugli"hacker russi", dicendo che ora i media tedeschi possono scrivere che gli "hacker russi" non hanno violato il server della campagna elettorale, ma questa volta quello della candidata. "Ma d'altra parte, non escludo che domani i media tedeschi scriveranno che "hacker russi", che fanno paura ai tedeschi, questa volta sono riusciti ad "hackerare" non il server della campagna elettorale, ma della candidata. Un altro caso di cui il vecchio Freud sarebbe stato soddisfatto" ha detto la Zakharova.

La Crimea si è riunita alla Russia in seguito ad un referendum indetto nel 2014. Oltre il 96% degli abitanti della repubblica, ha votato per il ricongiungimento con la patria storica. Come ha dichiarato Vladimir Putin, commentando le dichiarazioni delle autorità ucraine, che considerano la penisola "territorio temporaneamente occupato", la questione della Crimea è "definitivamente chiusa". Inoltre, a Mosca hanno ripetutamente ribadito che la Crimea è entrata a far parte della Russia, in conformità con il diritto internazionale e la Carta delle Nazioni Unite.

Correlati:

Zacharova: cyberattacco contro vecchio sito del Ministero
Zakharova accusa “Caschi Bianchi” di diffamare le autorità siriane
Bella, brava e modesta: i 15 look più eleganti di Maria Zakharova
Siria, Zakharova: iniziata campagna informativa sull’utilizzo delle armi chimiche
Tags:
Crimea, Crimea, Angela Merkel, Maria Zakharova, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook