00:26 12 Agosto 2020
Mondo
URL abbreviato
130
Seguici su

L'attività solare più forte degli ultimi 12 anni si è verificata tra il 6 e 8 settembre: sulla superficie della nostra stella sono avvenute diverse esplosioni di luminosità, in direzione della Terra sono state emesse particelle della corona solare.

Sul nostro pianeta tutto questo ha provocato tempeste geomagnetiche, tuttavia le esplosioni sulla superficie del Sole non hanno portato conseguenze negative.

L'onda d'urto della prima esplosione ha raggiunto la Terra molto prima di quanto previsto: già alla mezzanotte dell'8 settembre è iniziata una tempesta geomagnetica forte (livello 4 su scala di 5 punti).

Secondo le previsioni dell'Amministrazione Nazionale Oceanica ed Atmosferica degli Stati Uniti (NOAA, National Research degli Stati Uniti Oceanic and Atmospheric Administration — ndr) la tempesta magnetica doveva concludersi alle 16 di ieri (orario italiano, ndr), tuttavia secondo il Laboratorio astronomico solare dell'Istituto di Fisica dell'Accademia Russa delle Scienze è terminata solo nella notte di oggi.

La prima esplosione sul Sole si è verificata mercoledì scorso ed è stata la più potente negli ultimi 12 anni.

Correlati:

Nuova forte esplosione sul Sole
Scienziati russi: come brucia la corona del Sole
Minor attività magnetica minaccia il Sole secondo gli astronomi
Tags:
Scienza e Tecnica, Fisica, Astronomia, Spazio, Terra, Sole
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook