21:49 26 Giugno 2019
Jalta, Crimea

L'Ucraina rischia l’isolamento internazionale per le iniziative contro la Crimea

© Sputnik . Sergey Malgavko
Mondo
URL abbreviato
21412

Le iniziative ostili dell'Ucraina nei confronti degli stati confinanti possono portare il paese all'isolamento internazionale. Lo ha dichiarato Zaur Smirnov, capo del Comitato dei rapporti interetnici del governo della Crimea.

In precedenza, sul sito del presidente dell'Ucraina Petro Poroshenko è stata lanciata una petizione per scavare un canale lungo la frontiera che collega il paese con la penisola crimeana.

"Se l'Ucraina pensa che scavando un canale trasformerà la Crimea in un'isola, allora resterà delusa. La Crimea non sarà mai un'isola. È stata unita alla Russia per secoli e la costruzione di un ponte sullo stretto di Kerch rafforzerà questo unico legame terrestre, ma la politica del regime di Kiev che condona i capricci di nazionalisti e radicali porterà all'isolamento dell'Ucraina dall'Occidente e dai suoi vicini orientali", ha detto Smirnov a Sputnik.

La Crimea è diventata regione russa dopo il referendum di marzo 2014, in cui il 96,77% degli elettori ha votato a favore dell'unificazione con la Russia. Il referendum in Crimea è stato indetto dopo il colpo di stato in Ucraina nel febbraio 2014.

L'Ucraina considera ancora la Crimea territorio priprio ma temporaneamente occupato. La leadership russa ha ripetutamente affermato che gli abitanti della Crimea in modo democratico, nel pieno rispetto del diritto internazionale e della Carta delle Nazioni Unite, hanno votato a favore della riunificazione con la Russia. Secondo il presidente russo, il problema della Crimea "è chiuso definitivamente".

Correlati:

Politico tedesco sostiene riconoscimento della Crimea come parte della Russia
Sondaggio: circa il 44% dei tedeschi sono d’accordo col capo dei liberali su Crimea
In Crimea sale il rischio incendi per le autorità
Tags:
ostilità, Opinione, Parere personale, rischi, Isolamento, Crimea, Ucraina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik