03:03 22 Novembre 2019
Il congresso degli USA

Gli USA bloccheranno il tentativo della Russia di entrare nel settore energetico americano

© Sputnik . Igor Mikhalev
Mondo
URL abbreviato
28129
Seguici su

“L’amministrazione Trump è pronta ad impedire alla più grande compagnia statale russa di ottenere il controllo sulle risorse energetiche chiave del Venezuela negli USA”, scrive The Wall Street Journal citando i alti funzionari americani.

"Probabilmente questo passo infiammerà le tensioni tra Washington e Mosca", commenta il giornalista Ian Talley.

"La compagnia Petróleos de Venezuela (PdVSA) ha proposto alla russa Rosneft quasi metà delle azioni della sua filiale americana Citgo Petroleum Corp. come copertura del credito di 1,5 miliardi dollari, concesso da "Rosneft" nel 2016 per sostenere PdVS, che aveva bisogno di liquidità, e al suo proprietario: il governo venezuelano", ricorda il giornale.

A giugno alcuni legislatori americani si sono appellati all'amministrazione Trump per non permettere a Rosneft di ottenere i beni americani di PdVSA.

"Secondo due fonti, Rosneft vede che le prospettive del suo affare con Citgo negli USA si sono rattristate e cerca nuove coperture per i suoi prestiti. Il governo di Maduro non solo si è accordato sulle parti nei grandi progetti dell'estrazione petrolifera in Venezuela, ma ha anche promesso di fornire nel futuro il greggio come copertura e pagamento degli interessi", scrive il giornale.

Washington progetta di ostacolare Rosneft e questo è un segno che la Russia e gli USA sono ancora più coinvolti nella lotta per l'influenza politica sul pianeta. Secondo l'autore, sventando l'affare, l'amministrazione di Trump non solo impedirà alla Russia di ottenere le leve economiche negli USA, ma anche impedirà al governo di Maduro di usare i beni americani in Venezuela per rafforzare il suo potere. Alla fine della settimana scorsa Washington ha vietato a Citgo di trasferire il suo incasso in Venezuela.

I legislatori americani temevano che se PdVSA annuncerà il default per i suoi debiti e Rosneft esigerà i diritti per Citgo, il Cremlino prenderà l'infrastruttura energetica chiave negli USA. Mentre il rischio del default cresce perché gli USA hanno introdotto nuove sanzioni contro il Venezuela.

"Però alti funzionari americani dicono che a Rosneft, che è inclusa nella lista nera del dipartimento delle Finanze americano, non permetteranno di entrare in possesso di Citgo", scrive il giornalista.

"Se Rosneft si approprierà del pacchetto maggioritario ne potrebbero seguire alcune conseguenze legislative per Citgo", ha detto un funzionario dell'amministrazione. "Inoltre se si fosse trattato di un altro proprietario straniero… avremmo guardato la cosa in modo diverso".

Un altro alto funzionario ha detto che il dipartimento delle Finanze "garantirà la difesa della sicurezza nazionale degli USA e se si arriverà a questo punto sono sicuro che il comitato farà un controllo meticoloso". Si parla del Comitato per gli investimenti stranieri negli USA, che è delegato a bloccare gli investimenti stranieri se sono potenzialmente pericolosi per il paese.

"Se la Russia per stupidità sceglierà questa strada", ha detto il terzo funzionario anonimo, "il dipartimento delle Finanze ha anche il potere all'interno del regime delle sanzioni antirusse esistente per rovinare l'affare di Rosneft con Citgo", si legge nell'articolo.

Correlati:

Venezuela, Mosca: pronti a cooperare nonostante sanzioni Usa
Venezuela, Arreaza: Cercheremo sempre di migliorare i rapporti con Russia, Cina e altri
Huffington Post: la crisi spinge il Venezuela “tra le grinfie dell’orso russo”
Tags:
Sanzioni, finanziamenti, Petrolio, Energia, Rosneft, Venezuela, Russia, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik