14:13 24 Settembre 2017
Roma+ 23°C
Mosca+ 15°C
    Bundestag

    Germania, “Idioten-test” alla soglia delle elezione per il Bundestag

    © AP Photo/ Markus Schreiber
    Mondo
    URL abbreviato
    15735111

    Tra quattro settimane la Germania sceglierà il nuovo Parlamento. L'Huffington Post Deutschland fa un parallelo tra le elezioni di quest'anno e quelle di quattro anni fa.

    "Anche allora i politici tedeschi non potevano rispondere adeguatamente alle domande politiche più importanti dei nostri tempi. Cosa che velocemente ha portato delle conseguenze negative", scrive Sebastian Christ.

    "Raramente in passato la Germania ha dovuto scontrarsi con dibattiti politici così seri come negli ultimi quattro anni: la crisi ucraina, la perdita di fiducia nei media, la Pegida, il partito Alternativa per la Germania, le relazioni con l'islam, la crisi migratoria, la povertà, la formazione, il terrore di destra, l'aggressione di sinistra — sono solo alcuni dei temi attuali", scrive il giornale.

    "Ma sopra tutto questo c'era un problema più grave: il corteo vittorioso dell'autoritarismo sia in Europa che nel mondo", si legge nell'articolo. Alcune settimane dopo l'inizio delle proteste a Kiev e "la fuga del presidente ucraino corrotto Viktor Yanukovich, la Russia, durante un referendum dubbioso, si è annessa la Crimea. Alcuni mesi dopo i cosìddetti separatisti con l'appoggio delle truppe dell'esercito russo hanno conquistato alcune parti del Donbass. Per la prima volta nel XXI secolo le frontiere in Europa sono state modificate con la violenza".

    Allo stesso tempo la Polonia ha scelto un presidente di della destra radicale con probabili legami con Mosca, aggiunge l'autore.

    "Mosca pubblicamente ha sostenuto con un credito di alcuni milioni la campagna elettorale di Marine Le Pen in Francia, mentre l'indagine sui legami dei membri dell'ufficio elettorale di Trump con la gente di Putin è ancora aperta negli USA", scrive il giornale.

    In Germania la traccia di Mosca si osserva in quasi tutti i dibattiti importanti per il paese. "Finora ci sono state serie difficoltà a trovare la posizione unita. Innanzitutto questo riguarda la posizione dell'Europa sulla guerra nell'est dell'Ucraina", scrive il giornalista.

    Con "Idioten-test" (così in Germania viene chiamato il test per rivelare i guidatori incapaci di guidare una macchina. Qua nel senso di prova d'adeguatezza, ndr) alla soglia delle elezione per il Bundestag l'autore dell'articolo si riferisce alle relazioni dei partiti tedeschi con la politica autoritaria di Vladimir Putin. "Chi ancora appoggia Putin non può essere percepito seriamente nel senso politico", considera Christ.

    "La Sinistra fatica ancora a trovare le parole giuste per i sanguinosi bombardamenti dell'aviazione russa ad Aleppo. (…)Il Partito Socialdemocratico da tanti anni si occupa di trovare la politica corretta nei confronti della Russia. Due ex-presidenti del partito si sono impantanati profondamente nelle truffe del regime di Mosca: Gerhard Schröder e Matthias Platzeck. Il partito Alternativa per la Germania ancora dal 2014 agisce per la cancellazione delle sanzioni antirusse, e il leader del Partito Democratico Libero Christian Lindner ha gettato benzina sul fuoco invitando a riconoscere l'annessione della Crimea", ricorda il giornalista.

    Solo il CDU/CSU e i Verdi "non hanno ancora preso un grancio nella questione", sottolinea la pubblicazione.

    Correlati:

    Germania, Gabriel a Washington per discutere sanzioni anti-Russia
    Germania calcola spese di 25 anni di missioni militari all’estero
    Germania, Ankara: estradate principale sospettato organizzazione fallito colpo di Stato
    Tags:
    relazioni, Parlamento, Bundestag, Test, elezioni, politica, Germania, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik