14:54 23 Settembre 2017
Roma+ 23°C
Mosca+ 13°C
    Combattenti dell'ISIS in Siria

    Rivelazioni shock da oppositore di Assad: USA vendono armi all'ISIS tramite intermediari

    © AFP 2017/ AHMED DEEB
    Mondo
    URL abbreviato
    212345040

    I ribelli addestrati dagli istruttori militari americani nella base di At-Tanf vendono armi statunitensi ai terroristi dello "Stato Islamico", afferma l'ex capo delle forze di sicurezza della base Muhammad Assalam.

    "Il sostegno occultato all'ISIS si esprimeva tramite la vendita di armi. Quando lo abbiamo scoperto, lo abbiamo riferito agli americani. Ma a loro volta hanno iniziato a dare maggiore supporto al comandante Mugannat Attal, che ricopriva il ruolo di intermediario. Venivano vendute armi di fabbricazione americana, auto a metano, fucili M-16 in gran numero,"- ha detto a RIA Novosti Assalam.

    Secondo l'interlocutore dell'agenzia, nella base di At-Tanf ci sono siriani pronti a combattere contro l'ISIS, ma alcuni preferiscono affrontare l'esercito siriano con il placet dei militari americani.

    Parlando del sostegno della popolazione civile, Assalam ha detto che i militari americani non hanno mostrato alcun interesse, nonostante i campi profughi si trovino a meno di 20 chilometri dalla base di At-Tanf.

    "Nessuna assistenza umanitaria, medica e nessuna protezione dei civili", ha sottolineato.

    Correlati:

    Siria, Erdogan: metà delle armi consegnate dagli USA ai curdi finite nelle mani di ISIS
    Ad Aleppo militari siriani trovano depositi dei jihadisti con armi “made in USA”
    "Assad combatte il terrorismo, nell'ISIS guerriglieri supportati dagli USA"
    Assad: dopo vittorie nostro esercito molti Stati hanno smesso di finanziare i terroristi
    Perché la verità sulla Siria non interessa ai media occidentali? Risponde analista tedesco
    ISIS "alleato" nella guerra contro Assad, Russia e Iran: articolo shock del New York Times
    Tags:
    Terrorismo, Geopolitica, Opposizione siriana, crisi in Siria, Daesh, esercito USA, Bashar al-Assad, Siria, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik