02:09 13 Luglio 2020
Mondo
URL abbreviato
936
Seguici su

Alla compagnia polacca PGNiG non basta la capacità esistente del terminale LNG a Swinoujscie, per cui si è riservata un ulteriore 35% di gas naturale liquefatto. Lo ha reso noto oggi l’ufficio stampa dell’azienda.

Come affermato dal capo della compagnia Petr Wozniak, l'attività del terminale prosegue positivamente da più di un anno. In questo periodo la PGNiG ha già firmato due contratti a lungo termine per la fornitura di gas naturale liquefatto dal Qatar e ha ricevuto tre consegne.

"C'è una crescente domanda di gas in Polonia. Stiamo espandendo le esportazioni in Ucraina", ha detto Wozniak.

Ora l'azienda polacca detiene il 65% della capacità del terminale. Garantendo un ulteriore 35% della capacità, via mare, la Polonia sarà in grado di ricevere tutti i 5 miliardi di metri cubi di GNL. Questa è la capacità massima di caricamento del terminale. Secondo la società, questo è un altro passo verso la diversificazione delle sue forniture di gas e per la cosiddetta "sicurezza energetica del paese".

Il terminale GNL di Swinoujscie è stato costruito nel 2015 con una capacità massima di 5 miliardi di metri cubi di gas all'anno. Il terminale e il gasdotto collegano la Polonia con la piattaforma continentale norvegese. Tuttavia, come molti esperti notano, questa capacità è comunque insufficiente per rimpiazzare completamente il gas russo. Pertanto la Polonia prevede di aumentare la capacità del terminale di 1,5 volte — fino a 7,5 miliardi di metri cubi all'anno. Ma in questo caso gli acquisti di gas liquefatto copriranno solo la metà della domanda del paese, pari a 15 miliardi di metri cubi all'anno.

La Polonia ha avviato l'importazione di gas dalla Norvegia, dal Qatar e dagli Stati Uniti per realizzare la cosiddetta "indipendenza energetica dalla Russia". Pochi anni fa la Polonia e il Qatar hanno firmato un contratto per la fornitura di GNL al terminale di Swinoujscie. Dal 2015 la Polonia ha acquistato 1,5 miliardi di metri cubi di gas naturale liquefatto all'anno. In seguito il portale economico polacco Forsal ha scritto che il prezzo del gas del Qatar per la Polonia è di oltre 650 dollari per mille metri cubi. Nel 2013 il prezzo medio del gas Gazprom in Europa era di 380 dollari per mille metri cubi.

Nonostante il fatto che questa fonte di energia è costata Varsavia quasi due volte in più di quella russa, il presidente polacco Andrzhej Duda e l'emiro del Qatar Sheikh Tamim bin Hamad al-Thani hanno convenuto, a maggio di quest'anno, che nel prossimo futuro le forniture di gas alla Polonia raddoppieranno. Si tratta di un contratto a lungo termine dal 2018 al 2034 che prevede la fornitura di 2 milioni di tonnellate di LNG qatariano all'anno. Nell'estate di quest'anno inoltre è arrivata al terminale di Swinoujscie il primo carico di gas liquefatto dagli USA.

In questo contesto, le figure politiche polacche dicono che dopo il 2022 non firmeranno un nuovo contratto a lungo termine con Gazprom per le forniture di gas. Nei primi sei mesi del 2016 la quota di Gazprom negli acquisti della PGNiG è salita fino al 50%. Nel 2015, nello stesso periodo, la quota di Gazprom era del 40%.

Correlati:

La Polonia sta valutando di aumentare le forniture di gas all'Ucraina
Politologo russo: importazione di gas americano da parte della Polonia è una stupidaggine
La Polonia traccia le condizioni a cui acquisterà il gas dagli Stati Uniti
Tags:
fornitura, Importazioni, gas naturale liquefatto, Indipendenza, Energia, gas, Polonia, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook