16:00 16 Dicembre 2017
Roma+ 13°C
Mosca+ 4°C
    In this Sunday Jan. 11, 2015 photo, a Yazidi fighter protects the Sharaf al-Deen temple shrine, one of the holiest for the Yazidis, a religious minority whom the Islamic State group considers heretics ripe for slaughter, in Sinjar, northern Iraq

    La Russia ha contribuito a sconfiggere l'ISIS nella valle dell'Eufrate

    © AP Photo/ Seivan Selim
    Mondo
    URL abbreviato
    2120

    L'esercito governativo siriano, con il sostegno militare della Russia ha sconfitto il gruppo di militanti dello Stato Islamico a Ghanem-Ali nella valle del fiume Eufrate, riferisce il ministero della Difesa russo.

    Nell'operazione sono stati eliminati più di 800 estremisti, 13 carri armati, 39 pickup con mitragliatrici pesanti, nove colpi di mortaio e artiglieria sono andati distrutti. Come indicato nel comunicato, le "unità governative sotto il comando del generale Hassan Suheloim, con un massiccio sostegno dell'aviazione russa, hanno completato la disfatta più totale dello Stato Islamico". L'ufficio ha aggiunto che ora l'esercito conduce un'offensiva lungo la sponda orientale del fiume Eufrate a Deir-ez-Zor. Si prevede di liberare la città e "distruggere l'ultimo baluardo dei terroristi dell'IS sul suolo siriano". Il 25 agosto il capo dell'intelligence del ministero della Difesa russo, il colonnello Igor Karabov, ha riferito che in Siria ci sono più di 9mila militanti dell'IS, con il compito di mantenere il territorio a tutti i costi.

    L'aviazione russa sostiene attivamente l'offensiva siriana nell'est del paese, in particolare nella zona di Deir-ez-Zor. La città è assediata dagli islamisti dall'estate 2014. 

    In Siria dal 2011 la dura opposizione al presidente Bashar al-Assad dei ribelli che mirava al suo rovesciamento, ha trasformato il conflitto in una guerra civile dove sono presenti organizzazioni terroristiche, tra cui lo Stato Islamico. La coalizione internazionale guidata dagli USA dal 2014 compie operazioni contro l'IS. La Russia attacca i militanti dall'autunno del 2015.

    Correlati:

    Il Libano ha smesso di combattere contro l'ISIS al confine con la Siria
    E' possibile rimandare di nuovo le truppe russe in Afghanistan contro l'ISIS?
    Iraq, Maliki: Isis non può avanzare, rimangono cellule dormienti
    Tags:
    guerra civile, Guerra al Daesh, Guerra, ISIS, Siria
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik