Widgets Magazine
00:14 14 Ottobre 2019
La Camera dei Rappresentanti del Congresso degli USA

L'UE sta andando a difendere le sue aziende dalle sanzioni statunitensi

© AFP 2019 / SAUL LOEB
Mondo
URL abbreviato
6171
Seguici su

"La divergenza in politica estera tra l'UE e gli USA è aumentata, costringe i leader dell'Unione Europea a riflettere su come evitare l'applicazione delle sanzioni statunitensi contro le imprese europee" scrive il Wall Street Journal.

"L'UE per decenni ha agito contro le sanzioni americane che gli europei ritengono extraterritoriali, le leggi che consentono a Washington di punire le società straniere per fare affari con paesi terzi, come ad esempio la Russia, Cuba o Iran" osserva l'autore dell'articolo Lawrence Norman.

Il problema è nato questa estate, quando l'UE ha minacciato — e poi ha rifiutato di accettare-  contromisure contro Mosca degli USA. Il disegno di legge americano comprendeva possibili azioni contro le società energetiche europee che fanno affari con Mosca, scrive il giornalista.

"L'efficacia delle poche opportunità dell'Unione Europea per contrastare la pressione americana è limitata, comporta rischi, i governi dell'UE sono alla ricerca di nuove idee", si legge nell'articolo. "Negli ultimi anni le tensioni a causa delle sanzioni è diminuita, poiché gli USA e l'Europa hanno  coordinato le sanzioni contro il programma nucleare iraniano, la violenza in Siria e l'intervento della Russia in Ucraina" continua Norman. Ma "questo è cambiato quando Trump ha preso il potere. Il coordinamento della politica estera tra Washington e Bruxelles si è indebolito, come le decisioni per le sanzioni".

Il confronto di quest'estate a causa delle sanzioni contro la Russia è finito quando Trump ha firmato un disegno di legge che ha detto che non utilizzerà per minare la collaborazione con gli alleati europei, per evitare "conseguenze non intenzionali" per le aziende.

Prima di questo, i funzionari dell'UE hanno discusso delle sfide legislative, prima di tutto dell'applicazione del "blocco di regolamento UE", il Blocking Statutes del 1996, che consente alle imprese europee di non obbedire a certe decisioni americane sulle sanzioni e offre un risarcimento per le contravvenzioni, scrive l'autore.

Il Blocking statutes è stato efficace per salvare i legami economici dell'Europa con Cuba nel 1990, ma sarebbe molto meno efficace nel proteggere il business con la Russia, ha detto un funzionario tedesco con buona conoscenza dell'argomento. Molti giganti energetici europei non rischierebbero i loro contratti russi in cambio dell'accesso al mercato americano, si legge nell'articolo.

"La più probabile delle varianti dell'UE, secondo alcuni esperti di sanzioni, potrebbe diventare un'accusa agli USA, perché violano i loro doveri nel mercato mondiale nel processo di liberalizzazione dei servizi, minacciando di escludere le ditte europee dal sistema finanziario americano", si legge nell'articolo.

Correlati:

Usa-Russia, Dipartimento Stato: Sanzioni non mirate contro Mosca
Corea del Nord, Ryabkov: senza dialogo sanzioni non servono
UE salva alcuni progetti energetici con Russia nonostante nuove sanzioni USA
Tags:
Sanzioni contro la Russia, UE, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik