02:28 21 Febbraio 2018
Roma+ 4°C
Mosca-11°C
    A view of a part of western Mosul, Iraq, May 29, 2017

    Consigliere sicurezza nazionale Iraq: armamenti russi fondamentali in lotta contro Daesh

    © REUTERS/ Alkis Konstantinidis/File photo
    Mondo
    URL abbreviato
    3160

    Gli armamenti russi acquistati dall’Iraq hanno ricoperto un ruolo fondamentale nella lotta dell’esercito iracheno contro i guerriglieri dello Stato Islamico, comunica a RIA Novosti il consigliere per la sicurezza nazionale dell’Iraq, Faleh Fayyad.

    "Durante gli scontri con lo Stato Islamico" abbiamo usato aerei militari ricevuti dalla Russia. Essi e le armi anticarro usate contro autobombe blindate, hanno ricoperto un ruolo fondamentale in molti scontri" ha detto Fayyad.

    L'operazione a Tall Afar è iniziata domenica 20 agosto su ordine del capo del governo del paese Haider al-Abadi. In precedenza i militari iracheni e le milizie sciite hanno liberato una serie di villaggi nelle vicinanze di Tall Afar, e anche la regione strategica di Al-Mukhlyabiya.

    Tall Afar è l'ultima raccaforte dello Stato Islamico al confine tra Siria e Iraq a occidente della città liberata di Mosul. L'esercito iracheno ha liberato l'aeroporto di Tall Afar a novembre, assicurando così il controllo del territorio a sud della città.

    In precedenza l'esperto militare russo Igor Korotchenko ha dichiarato a RIA Novosti che la Russia ha venduto all'Iraq diversi armamenti, tra i quali gli aerei d'attacco al suolo Su-25, i quali hanno permesso di fermare l'avanzata dello Stato Islamico contro le posizioni dell'esercito Iracheno.

    Correlati:

    Russia, ambasciatore: pronti a rafforzare potenziale militare Iraq
    Iraq, l'ONU prepara l'evacuazione prima dell'attacco contro l'ISIS
    Iraq, media: trovati 48 bambini russi a Mosul
    Baghdad vuole forte presenza militare russa in Iraq
    Tags:
    Armamenti, armamenti, Guerra al Daesh, Stato Islamico, RIA Novosti, Haider al-Abadi, Igor Korotchenko, Iraq
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik