15:40 19 Settembre 2017
Roma+ 22°C
Mosca+ 13°C
    Commemorazione delle vittime dell'attentato a Barcelona

    Gli ebrei potrebbero lasciare la Spagna dopo l’attentato a Barcellona

    © REUTERS/ Susana Vera
    Mondo
    URL abbreviato
    3078321

    Il rabbino di Barcellona Meir Bar Jen ha definito la Spagna "il centro del terrorismo islamico" ed ha invitato i correligionari a lasciare l'Europa. Lo riporta il quotidiano britannico The Independent.

    Il 17 agosto un furgone si è lanciato contro la folla nella Ramblas di Barcellona. L'Isis ha rivendicato l'attentato. Alla guida del mezzo si trovava il marocchino Younes Abouyaaqoub, 22 anni. È anche probabile che dopo l'attentato nel centro di Barcellona ha rubato una macchina, ucciso l'autista ed investito una pattuglia della polizia. I media hanno informato che l'attentato ha avuto luogo vicino a due ristoranti kosher, però nella communità ebrea hanno escluso il carattere antisemita dell'attentato.

    "Io dico ai miei correligionari: non pensate che staremo qui per sempre. E li invito a comprare immobili in Israele. Questo posto (l'Europa) è perso. Non ripetete gli errori degli ebrei algerini, venezuelani. Meglio andarsene prima che sia troppo tardi", ha dichiarato il rabbino.

    Egli sostiene l'intenzione della sua parrocchia di lasciare il paese che lui stesso ha definito "il centro del terrorismo islamico". Il rabbino sostiene anche che la presenza del radicalismo è tipica non solo della Spagna, ma di tutta l'Europa. "L'Europa è morta", ha affermato.

    Correlati:

    Spagna, polizia uccide terrorista a Subirats
    Direttore centro di indagini per la sicurezza: l'attentato in Spagna era inevitabile
    Putin: il mondo è vicino alla Spagna
    Tags:
    radicalismo islamico, terrorismo, Attentato terroristico, Israele, Europa, Spagna
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik