05:09 24 Ottobre 2018
Armamenti

Giornalista ucraino: Kiev riceve armamenti dagli USA

CC BY 2.0 / faungg's photos / Are They Real?
Mondo
URL abbreviato
6110

L’Ucraina compra armamenti americani attraverso compagnie private. Lo ha scritto sulla sua pagina Facebook il giornalista Yuri Butusov.

Butusov ha osservato che l'esercito ucraino e la guardia nazionale hanno ricevuto un primo lotto di fucili da cecchino da 12,7mm Barret M82 e M107. Secondo il giornalista in questi giorni i militari ucraini hanno ricevuto 100 lanciarazzi PSRL-1, acquistati nel mese di aprile 2017 da una società americana, la AirTronic USA.

Il giornalista ritiene queste consegne sono di per sé simboliche. Secondo lui gli organi di controllo americano hanno registrato l'affare, ma non l'hanno impedito.

"Questi affari si avvicinano alla tanto attesa e necessaria decisione del governo degli Stati Uniti di fornire armi all'Ucraina nel quadro del programma di assistenza militare americana" ha scritto Butusov.

Kiev ha varie volte richiesto armamenti agli Stati Uniti negli ultimi tre anni. Attualmente Washington garantisce aiuto militare all'Ucraina, ma ufficialmente per ora solo in forma di attrezzature, equipaggiamento e nella formazione dei combattenti della guardia nazionale.

Nel mese di luglio, il vice-presidente degli Stati maggiori riuniti delle forze armate USA, il generale Paul Selva, ha detto che il Pentagono continua a studiare la questione della fornitura di armi in Ucraina. L'inviato speciale degli Stati Uniti in Ucraina Kurt Volker, ha detto che Washington sta valutando la possibilità di inviare armamenti alle truppe coinvolte nell'operazione militare nel Donbass.

Correlati:

La Commissione Europea favorisce l’industria armi e la corsa globale agli armamenti
Ucraina pone fine ad accordo per export di armamenti verso paesi terzi con Mosca
La Casa Bianca è interessata a inviare armamenti a Kiev
Rappresentante speciale USA a favore dell'invio di armamenti a Ucraina
Tags:
Armamenti, armamenti, Invio armi americane, Ucraina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik