03:14 19 Ottobre 2018
Giornalisti

Comitato di difesa dei giornalisti ha condannato l’Ucraina per oppressione dei media

© flickr.com/ European Parliament
Mondo
URL abbreviato
250

Il Comitato di difesa dei giornalisti a New York ha condannato l’Ucraina per l’oppressione dei giornalisti. Il pretesto per la condanna, proposta da RIA Novosti, è nato dalle perquisizioni condotte nei locali della redazione indipendente "Strana" e nelle abitazioni private dei suoi giornalisti da parte delle autorità ucraine.

Come comunicato dal Comitato le "autorità ucraine accusano il sito di diffondere segreti di stato". Esse hanno ricordato che a giugno i membri dei servizi segreti ucraini hanno condotto delle perquisizioni nella redazione e nei confronti del capo redattore del sito Igor Guzhvy è stata avviata una indagine.

"Le autorità ucraine devono porre fine alle persecuzioni contro il sito "Strana". Devono ritirare tutte le accuse da Guzhvy e dissipare questa pesante atmosfera attorno ai rappresentanti della stampa" ha dichiarato il direttore generale del Comitato dei giornalisti Nina Ognyanova.

Secondo lei "i politici creano un'atmosfera velenosa attorno ai media, dividendo i giornalisti ucraini in patriottici e non patriottici, quando essi dovrebbero fornire una vasta gamma di punti di vista con l'obiettivo di informare il pubblico".

 

Correlati:

Società ucraina smentisce coinvolgimento nel programma missilistico nordcoreano
Ucraina, media: trovato buco nel bilancio della difesa di 6 miliardi di grivnie
Surkov incontrerà rappresentante USA per Ucraina a Vienna o Ginevra
Ucraina spiega perché gli americani costruiscono centro operativo in porto ucraino
Tags:
persecuzioni, oppressione, Guerra mediatica, giornali, Ucraina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik