Widgets Magazine
00:58 20 Ottobre 2019
Mondo

Hubble ha fotografato due galassie che si intersecano a vicenda

Mondo
URL abbreviato
440
Seguici su

L'osservatorio orbitale Hubble ha ricevuto due foto di galassie quasi "invisibili" che hanno perso la loro forma.

Le galassie si sono distrutte dopo la collisione dell'una con l'altra, riporta il sito del telescopio spaziale. Gli ultimi monitoraggi del movimento delle stelle, di altre galassie e della via Lattea mostrano che la collisione e la fusione di queste "megalopoli di stelle" sono un fenomeno solito per l'Universo e quasi tutte le galassie di volta in volta hanno sperimentato "gli incidenti spaziali".

Oggi gli astronomi osservano eventi simili in maniera attiva, i dettagli di questi eventi possono aiutarci a capire il ruolo che questi scontri giocano nel processo di "morte dell'Universo", la graduale estinzione di tutte le galassie a causa della perdita della loro capacità di formare nuove stelle.

Molti astronomi ritengono che la formazione delle stelle e le esplosioni delle supernove si verifichino dopo la collisione delle galassie, a volte si riscaldano le scorte di gas freddo, fino a temperature tali, da non essere compatibili con la nascita di nuove stelle. Per questo motivo, circa la metà delle galassie nell'universo è praticamente "morta": nuovi corpi celesti non si formano già da centinaia di milioni di anni. In alcuni casi questa "morte" non avviene e gli scienziati stanno cercando di capire esattamente quello che governa la vita e la morte delle galassie.

Un esempio di queste "relazioni" tra galassie è stato recentemente studiato da Hubble, la fotocamera del telescopio ha fotografato due galassie nella costellazione del Triangolo, IC 1727 e NGC 672, che si sono interfacciate un paio di volte negli ultimi 450 milioni di anni. Il loro ultimo scontro, come sottolineano i membri al gruppo scientifico "Hubble", è accaduto di recente, circa 30 milioni di anni fa.

Questi scontri hanno avuto delle conseguenze: le galassie hanno quasi completamente perso la loro forma e sono scoppiate in un gran numero di comete, stelle, materia oscura e hanno avuto interazioni gravitazionali con altri corpi celesti. Molte di queste stelle sono scoppiate all'interno delll'IC 1727 e NGC 672 e quasi contemporaneamente, dopo l' "agitazione" delle loro scorte di gas freddo, è avvenuta la successiva collisione delle galassie.

Ulteriori osservazioni su queste galassie "strappate" e altri oggetti simili nell'Universo, come sperano gli scienziati, ci aiuteranno a capire se la collisione e fusione della galassie portano alla loro morte, o, al contrario, le rendono più giovani, senza comprimere la formazione stellare.

Correlati:

Spazio, prossimo lancio verso Iss da cosmodromo di Baikonur il 13 settembre
Media: caccia NATO violano spazio aereo della Finlandia per seguire aerei russi
L'ambasciata italiana di Mosca "accompagna" nello spazio Paolo Nespoli
Tags:
pianeta, Spazio
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik