22:13 18 Agosto 2017
Roma+ 26°C
Mosca+ 21°C
    Pyongyang

    Dissidente nordcoreano critica sanzioni contro Pyongyang: “faranno male solo al popolo”

    © Sputnik. Ilya Pitalev
    Mondo
    URL abbreviato
    4180132

    Le sanzioni delle Nazioni Unite saranno un duro colpo per la gente comune in Corea del Nord ed è improbabile che influenzino le ambizioni nucleari di Kim Jong-un, ha dichiarato in un'intervista all'agenzia di stampa giapponese Kyodo l'ex alto funzionario del Partito del Lavoro di Corea Ri Jong Ho, dissidente fuggito dal proprio Paese.

    "Probabilmente la Corea del Nord rischia una grave carenza di cibo che colpirà la gente comune, tuttavia non v'è alcuna garanzia che Kim Jong-un cambi idea guardando la sofferenza del suo popolo", — l'agenzia riporta le parole di Ri Jong Ho.

    Secondo l'agenzia Kyodo, Ri Jong Ho è fuggito dalla Corea del Nord nell'ottobre 2014 in Corea del Sud, ma dal 2016 vive negli Stati Uniti. E' un ex membro del Partito del Lavoro di Corea, dove di fatto ricopriva il ruolo di cassiere della famiglia Kim.

    Secondo Ri Jong Ho, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il primo ministro del Giappone Shinzo Abe dovrebbero parlare con Kim Jong-un per capire cosa vuole.

    E' convinto che per sopravvivere la Corea del Nord ha bisogno di stipulare un trattato di pace con gli Stati Uniti e instaurare relazioni diplomatiche con il Giappone per attrarre investimenti.

    Il problema è che gli Stati Uniti hanno l'obbligo di proteggere la Corea del Sud, che per le leggi di Pyongyang è "un'organizzazione anti-statale e sovversiva". A queste condizioni le relazioni diplomatiche con gli americani sono impossibili da costruire.

    Inoltre gli Stati Uniti e la Corea del Nord sono ancora tecnicamente in guerra dopo la guerra di Corea del 1950-1953, conclusasi con la firma di un armistizio.

    Tutti i tentativi di Pyongyang per stipulare con gli Stati Uniti un trattato di pace finora sono stati respinti da Washington.

    Correlati:

    Capo di Stato Maggiore forze armate USA in Sud Corea
    USA chiedono a Gran Bretagna di inviare aerei ricognitori in Corea del Nord
    Macron esorta a evitare un aumento delle tensioni in Corea del Nord
    Cittadino nordcoreano arriva in Corea del Sud a nuoto
    Crisi Nord Corea, “USA ricattano la Cina con sanzioni contro le banche”
    Foreign Policy: “il gioco è finito, la Corea del Nord ha vinto”
    Washington ha più paura di Kim che di Putin. Perché?
    “Furia e fuoco” di Trump o i missili di Kim: di chi deve aver paura il mondo?
    Tags:
    Sanzioni, Geopolitica, Politica Internazionale, Società, Diplomazia Internazionale, missile, armi nucleari, Consiglio di Sicurezza ONU, Ri Jong Ho, Kim Jong-un, Penisola coreana, Corea del Sud, Corea del Nord, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik