12:52 20 Luglio 2018
Soldati dell'esercito siriano

Forze governative siriane liberano importante città dall'ISIS

© Sputnik . Iliya Pitalev
Mondo
URL abbreviato
7190

L'esercito siriano e le milizie filo-Assad sostenute dalle forze aeree russe hanno completamente liberato dai terroristi dello "Stato Islamico" la città di Es-Suhne, la più grande roccaforte dei jihadisti nella provincia orientale di Homs, ha riferito il ministero della Difesa russo.

L'operazione è avvenuta in diverse fasi: prima del 10 agosto le forze governative hanno occupato le alture strategiche e isolato la città. Alle prime luci dell'alba di oggi con il sostegno degli aerei russi sono stati scacciati dai quartieri settentrionali e occidentali gli islamisti e alle 7 del mattino sono stati liberati i quartieri centrali e meridionali dalla città.

La liberazione di Es-Suhne spiana l'offensiva delle forze governative siriane a Deir ez-Zor, città da più di 3 anni sotto assedio dai combattenti dell'ISIS, osserva il dicastero militare.

In precedenza il ministro della Difesa russo Sergey Shoigu ha definito strategica la città di Deir ez-Zor sulla mappa della Siria, la cui liberazione sarà decisiva nella lotta contro il Daesh.

Deir ez-Zor dal 2014 è assediata. Le forze governative controllano circa la metà della città. I terroristi dell'ISIS hanno bloccato tutte le vie di comunicazione: i soldati e la popolazione civile ricevono cibo e rifornimenti solo dal cielo con elicotteri.

Correlati:

Siria, forze di Assad circondano grande roccaforte ISIS ad Homs
Siria, nella provincia di Homs 150 ribelli depongono le armi e ottengono l'amnistia
Siria, forze governative respingono offensiva ISIS a Deir ez-Zor
Damasco riottiene il controllo di quattro giacimenti di petrolio a Raqqa e a Deir-el-zor
Militari siriani sbarcano nelle retrovie dello Stato Islamico a Raqqa
Tags:
ISIS, Terrorismo, raid della Russia in Siria, crisi in Siria, Esercito della Siria, ministero della Difesa della Federazione Russa, Homs, Deir ez-Zor, Siria, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik