22:26 18 Gennaio 2018
Roma+ 13°C
Mosca-5°C
    Diego Maradona

    Maradona si schiera con Maduro per la libertà del Venezuela

    © Sputnik. Aleksander Wilf
    Mondo
    URL abbreviato
    26281

    Il leggendario calciatore Diego Maradona ha dato il suo supporo al presidente del Venezuela Nicolas Maduro dichiarando che è pronto a lottare dalla sua parte.

    "Saremo chavisti fino alla fine della nostra vista. E quando Maduro lo ordinerà, indosserò l'uniforme militare del Venzuela libero per combattere contro l'imperialismo e coloro che vogliono prendere le nostre bandiere, che sono il bene più prezioso per noi" ha scritto Maradona su Facebook.

    "Viva i venezuelani purosangue, non i venezuelani interessati e ammanicati con la destra.Viva Chavez! Viva Maduro! Viva la rivoluzione!", ha aggiunto.

    In precedenza, in Venezuela si sono tenute le elezioni per l'assemblea costituente nazionale, che, come previsto, si occuperà della preparazione di modifiche alla costituzione del paese. La convocazione di tale organo è stata dichiarata su iniziativa del presidente Nicolas Maduro. L'opposizione non ha riconosciuto le elezioni, indicando che la convocazione di un'assemblea costituente deve essere effettuata attraverso un referendum. Questi eventi hanno ancora più acceso le proteste di massa nel paese dall'inizio di aprile, in cui sono morte già più di 120 persone.

    Maradona è stato considerato come uno dei migliori calciatori al mondo, ha giocato come attaccante e centrocampista. Ha giocato per il club "Argentinos Juniors", "Boca Juniors", "Barcellona", "Napoli", "Siviglia" e " Newell's Old Boys ".

    L'argentino è stato vincitore di numerosi premi e titoli, è anche autore di uno dei più famosi gol di calcio nella storia. Nel 1986 nella nazionale argentina Maradona ha giocato la coppa del mondo in Messico. Durante i quarti di finale contro la squadra del Regno Unito segnò il suo famoso gol, che gli costò il nome di "Mano di dio". Il calciatore, contrariamente a tutte le regole, ha mandato la palla in porta con la mano. Tuttavia, questo è stato fatto così in fretta, che l'arbitro non vide la violazione e assegnò il punto Argentina. Al termine del campionato l'Argentina vinse la coppa del mondo.

    Correlati:

    In Venezuela rivolta in base militare contro presidente Maduro
    Julian Assange lancia un consiglio a Maduro
    Venezuela, Parlamento accusa assemblea nazionale di “invasione” del Palazzo Federale
    Venezuela, a Lima riunione d’emergenza delle nazioni americane
    Tags:
    Geopolitica, crisi, Proteste, maradona diego armando, Venezuela
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik