08:16 19 Giugno 2018
Soldati siriani nella provincia di Homs

Siria, forze di Assad circondano grande roccaforte ISIS ad Homs

© AFP 2018 / JOSEPH EID
Mondo
URL abbreviato
0 171

I militari siriani appoggiati dai gruppi armati alleati hanno circondato la più grande roccaforte dei terroristi dello "Stato Islamico" nella provincia di Homs, ha rivelato a RIA Novosti una fonte sul campo.

"L'esercito siriano e le forze alleate hanno circondato e serrato i ranghi attorno alla città di Al-Sukhna. Tuttavia le forze governative non sono ancora entrate in città, si combatte in periferia e l'offensiva continua,", — ha riferito l'interlocutore dell'agenzia.

Al-Sukhna è l'ultimo importante avamposto dell'ISIS nell'avanzata dell'esercito siriano verso la città di Deir ez-Zor.

Deir ez-Zor e la base militare situata a 2 chilometri dalla città sono completamente circondate dai jihadisti da più di 3 anni. Diversi mesi fa gli islamisti erano riusciti a tagliare le vie di comunicazione tra i militari nella base e la città.

Nonostante i continui attacchi dell'ISIS con attentatori suicidi e autobombe, la guarnigione di Deir ez-Zor continua a tenere le posizioni organizzando di volta in volta alcune controffensive. I militari nella base ricevono cibo e armi solo dal cielo. A differenza della situazione nella base aerea, la città è ancora raggiungibile dagli elicotteri per evacuare i feriti e fornire generi di prima necessità.

Correlati:

Siria, forze governative respingono offensiva ISIS a Deir ez-Zor
Forze filo-Assad respingono diversi attacchi dell'ISIS a Deir ez-Zor
Forze armate siriane eliminano 60 guerriglieri Daesh a Deir ez-Zor
Hezbollah ed esercito siriano strappano ai jihadisti alture al confine libanese
L'esercito siriano ha conquistato la più grande roccaforte IS a est di Aleppo
Esercito siriano e forze filo-Assad raggiungono il confine con l'Iraq
Peggioramento rapporti USA-Russia non pregiudica accordi Putin-Trump su Siria
Tags:
ISIS, Terrorismo, crisi in Siria, Esercito della Siria, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik