07:22 17 Dicembre 2017
Roma+ 4°C
Mosca+ 8°C
    Konstantin Kosachev

    Kosachev sull'uscita degli USA dell'Accordo di Parigi: Un altro strafalcione di Trump

    © Sputnik. The Press-service of the Federation Council of the Russian Federation
    Mondo
    URL abbreviato
    412

    La dichiarazione degli USA sull’uscita dall'Accordo di Parigi sul clima è un altro strafalcione politico dell'amministrazione di Donald Trump. Lo ha dichiarato oggi il capo del comitato internazionale del Consiglio Federale della Federazione Russa Konstantin Kosachev.

    Venerdì gli Stati Uniti hanno ufficialmente avvisato l'ONU sull'intenzione di uscire dall'Accordo di Parigi, annunciata all'inizio di giugno dal presidente americano Donald Trump.

    "L'avviso ufficiale degli USA sull'intenzione di uscire dall'Accordo di Parigi è un altro strafalcione politico dell'amministrazione di Trump. E non poteva non farlo perché è uno dei pochi punti del suo programma elettorale per cui non è ancora legato mani e piedi", ha detto il senatore.

    Kosachev ha ricordato che Trump ha promesso di uscire dall'accordo perché convinto che la sua realizzazione costerebbe agli USA 3 trilioni dollari e 6.5 milioni di posti di lavoro, e che in generale il concetto di riscaldamento globale è stato creato dalls Cina per indebolire la competitività degli Stati Uniti.

    "Se si considerano gli altri progetti della campagna elettorale, come la normalizzazione dei rapporti con la Russia, il siluramento degli accordi sul programma nucleare dell'Iran, la fine dell'Obamacare o la costruzione del muro al confine con il Messico, l'accordo sul clima è l'ultimo che resta a Trump per far vedere la sua indipendenza", suppone Kosachev.

    Però egli ha sottolineato che non c'è nessuna necessità di uscirne ufficialmente, perché tutti gli impegni sono volontari. Ne ha parlato anche il presidente Vladimir Putin. L'accordo entrerà in vigore solo nel 2021 e ancora non è stato creato un meccanismo che ne garantisca la realizzazione. Gli USA poi sono uno dei paesi più ecologicamente sviluppati, dove non finiscono i lavori sulle tecnologie della riduzione dell'emissione dei gas serra.

    Inoltre l'uscita dall'accordo è stata annunciata sullo sfondo dell'inasprimento delle sanzioni contro la Russia, l'Iran e la Corea del Nord, e che adesso toccano anche i paesi europei.

    "Proprio Germania e Francia sono stati gli iniziatori principali dell'Accordo di Parigi. Con questo passo Trump può seppellire definitivamente la reputazione degli USA come leader mondiale responsabile in quanto l'ecologia oggi è una delle basi della reputazione delle potenze mondiali", ha sottolineato il senatore.

    Egli ha anche notato che, cercando di risolvere i loro problemi interni, gli USA hanno fatto una figuraccia all'estero. "In un certo senso è ridicolo perché uscendo dell'accordo gli Stati Uniti finiranno in compagnia dei paesi che non si sono associati come la Siria e il Nicaragua. Cioè significa che Washington ha dei punti comuni con Damasco?" si chiede Kosachev.

    In realtà gli intrighi intorno all'Accordo di Parigi non finiscono e gli USA non escono definitivamente dal gioco. D'altronde, la Russia lo ha solo firmato e non ratificato perché ci sono ancora delle questioni aperte sul trattato. "Però l'uscita ufficiale è sicuramente un passo molto notevole, l'ennesimo autogol di Trump", ha concluso il senatore.

    Correlati:

    USA notificano ufficialmente all'ONU uscita da accordi di Parigi sul clima
    Scienziati: quando il clima della Terra raggiungerà il punto di non ritorno
    Clima, Russia: Abbiamo quasi pienamente soddisfatto l'Accordo di Parigi
    Tags:
    Opinione, commento, clima, accordo, Donald Trump, Konstantin Kosachev, USA, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik