13:23 17 Ottobre 2017
Roma+ 19°C
Mosca+ 11°C
    L'esultanza di Federica Pellegrini dopo la vittoria nei 200sl ai Mondiali di nuoto di Budapest

    Tacchi e paracadute, Federica Pellegrini si prende anche Mosca

    © Sputnik.
    Mondo
    URL abbreviato
    Riccardo Pessarossi
    27076281

    Dopo l'oro di Budapest l'estate di Federica Pellegrini prosegue a Mosca, dove la campionessa veneta ha partecipato alla Coppa del Mondo di nuoto, vincendo i 400 metri stile libero. In un'intervista esclusiva a Sputnik Italia, la "Divina" scopre un inaspettato legame con la Russia, tra sogni premonitori, tacchi, e lanci col paracadute.

    Federica, un'altra estate all'insegna del caldo, con delle canzoni che non ci escono dalla testa e con le tue gare. Europei, Olimpiadi, quest'anno Mondiali. Tu ci sei sempre. Come ti senti?

    Onestamente sono un po' stanca. I 400 metri non mi aspetto di vincerli qui, anche perchè è una distanza che non preparo più, invece ci sono riuscita ed anche con un tempo vicino al mio personale. Budapest è stata la gara perfetta: sono riuscita ad arrivare li nei migliore dei modi, facendo anche questa scommessa sull'altura fino all'ultima settimana e non mi aspettavo di sicuro di tornare a casa da campionessa del mondo. Speravo solo in una medaglia per cercare la settima in sette mondiali. Invece…

    Da neo campionessa del mondo ti aspettavi questa popolarità anche Mosca?

    Un pochino me lo aspettavo, un pochino — devo dire la verità —  sono rimasta sorpresa. Aspetto con ansia il momento di tornare a casa per festeggiare la medaglia con la famiglia, però sono contenta di fare queste gare in giro per l'Europa e qui in Russia. E' una novità anche per me, perché non le ho mai fatte e mi sta piacendo.

    Credi alle coincidenze?

    Si, nella vita nulla succede davvero e solo per caso.

    La nuotatrice russa Veronika Popova, finalista nella gara dove tu hai vinto l'oro, ha detto che aveva sognato che tu avresti vinto la gara. Che effetto ti fa?

    Lo so. "Sapevo che tu avresti vinto" — mi ha detto. Ma dopo la gara. E meno male. Altrimenti non so come sarebbe andata a finire. La cosa mi ha fatto un certo effetto, perché è bello e soprattutto se poi è un sogno tra virgolette premonitore, è una cosa che mette i brividi. In senso positivo.

    Questa notte ho fatto un sogno…….😌😌❤️🙋🏼 #nonsvegliatemi

    Публикация от Federica Pellegrini (@kikkafede88) Авг 2 2017 в 10:18 PDT

    Tu sei figlia di un paracadutista, ed hai gareggiato (e vinto) in Russia proprio il giorno in cui festeggiano i paracadutisti. Lo sapevi?

    Ah, pensa te. Non lo sapevo, ma mi fa piacere. Il mio babbo sarà felice di saperlo.

    Ironia della sorte, sai come festeggiano i paracadutisti in Russia?

    No. Ma credo che un brindisi lo faranno..

    Il clou dei festeggiamenti è un tuffo nelle fontane, perché dicono che quando ti butti nell'acqua vedi riflesso il cielo. Loro però si tuffano una volta all'anno, tu invece tutti i giorni. Che rapporto hai con l'acqua?

    Il tuffo in una fontana di un ex paracadutista russo
    © Sputnik.
    Il tuffo in una fontana di un ex paracadutista russo

    Hanno scelto un modo carino (ride). Io devo dire che l'acqua non manca mai per me è un elemento che deve esserci sempre, quasi quotidianamente. Sto bene proprio quando sto in acqua, anche solo una doccia dopo l'allenamento o il mare. Nella mia vita è un elemento che è costante e ci deve essere sempre. Sento proprio il bisogno che ci sia.

    Il motto dei paracadutisti russi è "nessuno all'infuori di noi": ti ricorda qualcosa?

    Si, il tatuaggio che ho fatto con mio fratello qualche anno fa e dice "nient'altro che noi". Quindi si, c'è decisamente qualcosa in comune.

    Ti sei mai lanciata con un paracadute?

    Io con il paracadute ho fatto un lancio ed è stata, penso, una delle emozioni più forti della mia vita. E' stato molto bello e poi l'ho preparato con una persona che di lanci ne ha fatti tanti prima, perciò non avevo assolutamente paura. La mia paura più grande era il vuoto, però di per sé quando ti lanci da così in alto e a quelle velocità non si sente. E' stato proprio un nuotare in aria ed è stato bello.

    • Federica Pellegrini nella vasca della piscina Olimpiskiy di Mosca
      Federica Pellegrini nella vasca della piscina "Olimpiskiy" di Mosca
      © Sputnik.
    • Federica Pellegrini nuota nella finale dei 200 metri stile libero ai campionati mondiali di Budapest
      Federica Pellegrini nuota nella finale dei 200 metri stile libero ai campionati mondiali di Budapest
      © Foto:
    • I vincitori della Coppa del Mondo di nuoto a Mosca
      I vincitori della Coppa del Mondo di nuoto a Mosca
      © Sputnik.
    • Federica Pellegrini con la medaglia d'oro vinta a Mosca nei 400m stile libero in vasca corta
      Federica Pellegrini con la medaglia d'oro vinta a Mosca nei 400m stile libero in vasca corta
      © Sputnik.
    • Gruppo Italia sulla Piazza Rossa: Gabriele Detti, Federica Pellegrini gli allenatori Stefano Morini e Matteo Giunta ed il fisioterapista Stefano Amirante
      Gruppo Italia sulla Piazza Rossa: Gabriele Detti, Federica Pellegrini gli allenatori Stefano Morini e Matteo Giunta ed il fisioterapista Stefano Amirante
    • Federica Pellegrini insieme al fratello ed ai genitori dopo la vittoria ai Mondiali di Budapest
      Federica Pellegrini insieme al fratello ed ai genitori dopo la vittoria ai Mondiali di Budapest
      © Foto: Instagram @kikkafede88
    • Tacchi e tatuaggi, due passioni di Federica Pellegrini
      Tacchi e tatuaggi, due passioni di Federica Pellegrini
      © Foto: Instagram @kikkafede88
    • Le pinne coi tacchi di Federica Pellegrini
      Le pinne coi tacchi di Federica Pellegrini
    1 / 8
    © Sputnik.
    Federica Pellegrini nella vasca della piscina "Olimpiskiy" di Mosca

    Dopo i mondiali hai annunciato che ora prenderai un anno quasi sabbatico: del "vuoto" nei tuoi impegni non hai paura?

    No, con l'obiettivo di voler fare la quinta Olimpiade a Tokyo 2020 mi serve fare un anno un pò più tranquillo. Vengo da due / tre stagioni molto intense, con altrettante alture ed allenamenti al limite ogni giorno, perciò devo concedermi una pausa.

    Tu sei una grande appassionata di tacchi. A Mosca ti sei guardata intorno? Hai notato l'uso che ne fanno le ragazze russe?

    Ho visto. Eccome. Infatti ieri ne parlavo anche con Matteo (Giunta — il suo allenatore ndr):  "Cavoli, anche se mediamente sono tutte alte, le ragazze russe usano i tacchi". Questa cosa mi rincuora molto perché io che sono alta quando metto i tacchi sono veramente alta. Quindi mi è piaciuto vedere così tanti tacchi in giro.

    Pensa che ogni anno viene anche organizzata una gara di corsa con i tacchi. L'idea ti ispira?

    Sono cose divertenti, ma un pò fini a se stesse. Io per ora ho provato a nuotare in piscina con le pinne con i tacchi.

    L'arrivo di una gara di corsa coi tacchi organizzata a Mosca
    © Sputnik.
    L'arrivo di una gara di corsa coi tacchi organizzata a Mosca

    Sei supertiziosa?

    No, non tantissimo.

    Sapresti dire quale tra queste tre cose in Russia porta male?

    Incontrare per strada una persona che zoppica di lunedì

    Stringersi la mano sotto lo stipite di una porta

    Aprire un ombrello in un luogo chiuso

    Ma è anche italiana o solo russa?

    Solo russa

    Allora l'ombrello no, perché esiste anche da noi. Dico quella della persona che zoppica, la prima.

    Invece è la terza…

    Federica Pellegrini alla piscina Olimpiyskiy di Mosca
    © Sputnik.
    Federica Pellegrini alla piscina Olimpiyskiy di Mosca

    Federica Pellegrini (5-8-1988).

    Dal 2005 al 2017 ha vinto — unica nella storia — sette medaglie consecutive in altrettante edizioni dei Mondiali di Nuoto, sui 200 metri stile libero. L'ultima è arrivata il 26 luglio 2017 a Budapest, dove ha battuto l'americana Katy Ledecky e l'australiana Emmy Mc Keon. Nel suo ricco palmares figurano anche l'oro alle Olimpiadi di Pechino 2008 sui 200 metri stile libero e, nella stessa distanza, il record del mondo, stabilito ai Mondiali di Roma 2009.

    Tags:
    sport, Italia, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik