19:16 20 Gennaio 2020
Mondo
URL abbreviato
8113
Seguici su

Il Washington Post ha invitato il presidente degli Stati Uniti Donald Trump a reagire alla propaganda russa nei mezzi di comunicazione americani".

Come osservato in un editoriale del giornale, la "propaganda" dei media russi ha "invaso" la radio e la televisione americana. Ad esempio Sputnik, la principale radio della propaganda russa, dal 1° luglio va in onda sulle frequenze FM a Washington, trasmettendo da un ufficio a soli "tre isolati dalla Casa Bianca."

Come scrive il giornale, Sputnik RT sfruttano nei loro programmi in lingua inglese le persone che "senza istruzioni da Mosca" sostengono che i media e le istituzioni americane siano falsi e venduti.

RT e Sputnik ignorano il fatto che i valori del governo russo sono "l'opposto rispetto a quelli condivisi dalla maggioranza degli americani", sono convinti i giornalisti del Washington Post.

Allo stesso tempo nell'editoriale del Washington Post si chiedono a Trump misure di risposta, dal momento che i media finanziati dal governo americano, Voice of America e Radio Free Europe, in Russia possono pubblicare i loro materiali solo su internet.

Correlati:

Sputnik in USA: arriva la voce “dell’influenza russa”
Sputnik e RT di nuovo nel mirino
Capo diplomazia russa commenta parole di Macron su Sputnik e RT
“Londra non tollera RT perchè suo modo di fare giornalismo dà fastidio”
USA, per il Dipartimento della Difesa Sputnik e RT sono strumenti di propaganda
Per ex ambasciatore americano in Russia "ingiuste" le sanzioni di risposta di Mosca
Tags:
Russofobia, Informazione, Società, Giornalismo, Occidente, Censura, Propaganda, mass media, Russia Today, RT, Sputnik, Washington Post, Russia, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik