11:19 19 Agosto 2017
Roma+ 23°C
Mosca+ 24°C
    L'ammiraglio capo della flotta del pacifico americana, John Swift

    Esperti spiegano parole di ammiraglio americano su attacco nucleare contro Cina

    © flickr.com/ U.S. Pacific Fleet
    Mondo
    URL abbreviato
    194754161

    Nel caso di un attacco nucleare da parte USA la Cina ne condurrebbe immediatamente uno di risposta capace di arrecare agli Stati Uniti danni inaccettabili. Anche tenendo conto di tutti i contrasti accumulati, sono assenti i presupposti per l'inizio di una guerra tra queste potenze, ha detto l'esperto militare Igor Korotchenko a RIA Novosti.

    Come comunicato dall'Associated Press il comandante della flotta USA del Pacifico, Scott Swift, durante un discorso alla conferenza per la sicurezza in Australia ha parlato della possibilità di un attacco nucleare contro la Cina. Uno degli studiosi ha chiesto all'ammiraglio se lui, su ordine del presidente, ordinerebbe un attacco nucleare contro la Cina, e il militare ha risposto: "la risposta è si. Ogni militare americano ha giurato di obbedire agli ordini del comandante supremo".

    "Non si tratta di una diretta minaccia di un attacco nucleare contro la Cina. La domanda riguardava "l'esecuzione dell'ordine", e ovviamente l'ammiraglio ha detto di si, ovvero che l'ordine del comandante supremo và eseguito. Ma io dubito fortemente che Trump ordinerebbe un attacco nucleare contro la Cina, anche nonostante le controversie accumulatesi tra Cina e USA" ha detto Korotchenko.

    Secondo l'esperto ammettere la possibilità di un attacco nucleare "significherebbe che la Cina prenderebbe delle contromisure immediate". "Tenendo conto che la Cina nell'ultimo decennio ha attivamente incrementato la sua componente mobile di forze missilistiche nucleari, tra i quali sistemi terrestri e sottomarini nucleari con missili ballistici, l'attacco di risposta sarebbe devastante per gli Stati Uniti, e anche se essi non venissero completamente annientati comunque provocherebbe dei danni inaccetabili per questo governo. Ritengo che Donald Trump comprende perfettamente questo, e non darebbe mai un ordine del genere" ha dichiarato il redattore capo del giornale "Difesa Nazionale".

    Come ha precisato da parte sua, il redattore capo del giornale "Arsenale della Patria" Viktor Murakhovsky, la Cina, in caso di inizio di una guerra nucleare potrebbe provocare agli USA notevoli danni e quindi la probabilità di uno scambio di attacchi nucleari è molto improbabile,  non ci sono i presupposti per una guerra.

    "La Cina, naturalmente ha potenziale nucleare minore, ma è comunque in possesso di missili balistici intercontinentali a terra e su sottomarini i quali sono ancora in fase di test. Ma, nonostante il fatto che il numero di missili e testate della Cina sia di molto inferiore a quello degli Stati Uniti, il danno sarebbe di fatto inaccettabile" ha detto Murakhovsky.

    Con questo ha sottolineato che oggi la probabilità di una guerra nucleare tra gli USA e la Cina è molto lontana.

    "Ammettiamo per un secondo che testate da almeno 500 kilotoni vengano lanciate contro New York, Washington o contro un agglomerato, in California, dove vivono decine di milioni di abitanti. Nonostante tutta l'attuale isteria negli Stati Uniti nel campo politico, tra i legislatori non ci sono suicidi. E tra l'altro, c'è la stessa isteria nei confronti della Russia" ha concluso Murakhovsky.

    Correlati:

    Cina: costruisce prima “città marziana” per addestramento per missione su Marte del 2040
    Ammiraglio americano Swift: se arriverà l'ordine, attacco nucleare alla Cina
    Corea del Nord, Usa: Soddisfatti di cooperazione con Cina all'Onu. Posizione della Russia?
    Ministero esteri Cina esorta India a ritirare militari dal proprio territorio
    Tags:
    Diplomazia Internazionale, nucleare, attacco, marina USA, USA, Cina
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik