16:11 05 Dicembre 2020
Mondo
URL abbreviato
622
Seguici su

Secondo i dati dell’Eurocommissione, le esportazioni agricole estoni verso i paesi non europei sono crollate negli ultimi tre anni del 28%, e un ruolo fondamentale in questo lo ha avuto l’embargo russo contro i paesi occidentali che hanno imposto le sanzioni contro la Russia.

Le esportazioni verso la Russia dei prodotti agricoli estoni si sono ridotte del 60%, mentre gli agricoltori hanno perso €100 milioni di ricavi si osserva nell'articolo.

La produzione agricola estone non si è ancora ripresa dalle sanzioni russe contro i paesi europei scrive Postimess. Come riporta "Radio 4" nell'articolo si segnala che secondo i dati dell'Eurocommissione l'export agricolo verso i paesi terzi, cioè, al di fuori dell'Unione Europea, dal 2013 al 2016 si è ridotto  del 28%.

Questo significa che i produttori agricoli estoni hanno ricavato quasi €100 milioni in meno rispetto a prima dell'imposizione dell'embargo russo. Dunque l'export verso la Russia si è ridotto del 60%.

Allo stesso tempo come dichiara il Ministero dell'agricoltura estone, nonostante la ricerca di nuovi mercati di sbocco sia stata difficile, se non si tiene conto del commercio con la Russia nel 2016 le aziende estoni del settore alimentare hanno venduto il 36% in più i loro prodotti rispetto al periodo pre-sanzioni.

 

Correlati:

In Estonia terminate le esercitazioni Saber Strike
Estonia, premier promette "frontiera tecnologica" al confine con la Russia
La Russia ha prolungato l’embargo alimentare
Russia proroga embargo alimentare contro l’Occidente fino alla fine del 2018
Tags:
sanzioni antirusse, Alimentazione, Embargo alimentare, agricoltura alimentari, Alimentare, Embargo alimentare, embargo, UE, Commissione Europea, Estonia, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook