23:25 03 Marzo 2021
Mondo
URL abbreviato
1511
Seguici su

Il Ministro degli esteri cinese Wang Yi ha esortato le forze armate indiane a ritirare immediatamente i propri militari dal territorio cinese nella regione dello stato del Sikkim col fine di ridurre la tensione tra i due paesi, ha detto il Ministero degli esteri cinese.

La tensione tra India e Cina è sorta alla fine di giugno quando un gruppo di guardie di frontiera indiane hanno attraversato illegalmente il confine indo-cinese nelle regione dello stato del Sikkim. Secondo le autorità cinesi questo intralcia il lavoro delle guardie di frontiera cinesi nella regione di Dunlan, nella regione autonoma del Tibet. Dopo questo la Cina ha esortato diverse volte la Cina a ritirare i propri militari dal territorio cinese.

"Persino gli alti funzionari indiani hanno riconosciuto apertamente che non sono stati i militari cinesi a entrare nel territorio del paese, e con le loro parole l'India ha riconosciuto che loro stessi sono entrati in territorio cinese" ha detto Wang Yi a Bangkok dove si trova in visita.

Il Ministro degli esteri cinese ha sottolineato "che la soluzione al problema è molto semplice: è necessario che essi lascino il territorio della Cina".

Secondo i dati del Ministero degli esteri cinese, la frontiera sino-indiana nella regione dello stato del Sikkim è stata stipulata nel 1890 tra Cina e Gran Bretagna, e dopo la dichiarazione d'indipendenza dell'India il governo del paese ha diverse volte affermato in forma scritta che entrambe le parti riconoscono l'assenza di controversie e dispute territoriali nella regione dello stato del Sikkim.

Correlati:

La Cina potrebbe annientare l’America
Cina, nei primi sei mesi del 2017 puniti 210 mila funzionari
In Cina aprono rifugi anti-caldo
Per gli USA “l'India è un partner chiave nel settore della difesa”
Russia-India, oggi Shoigu incontra Jaitley
“Gazprom” intende determinare percorsi per fornitura di gas in India
Tags:
Politica, Disputa territoriale, Dispute territoriali, Ministero degli Esteri, Wang Yi, India, Cina
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook