17:28 19 Gennaio 2021
Mondo
URL abbreviato
3152
Seguici su

Le esercitazioni militari tra Russia e Cina che si terranno nel Mar Baltico fanno parte del normale programma di cooperazione bilaterale e non sono dirette contro paesi terzi. Lo ha dichiarato a Sputnik Ma Bin, ricercatore del Centro per la Russia e l'Asia centrale dell’Università di Fudan (Cina).

"Le esercitazioni congiunte delle forze navali cinesi e russe fanno parte del programma di cooperazione tra i due paesi. Non sono dirette contro nessun paese terzo, ma concorrono allo sviluppo e al rafforzamento delle relazioni sino-russe in campo militare", ha spiegato Bin.

L'esperto ha osservato che le esercitazioni di quest'anno, svolgendosi nel Mar Baltico, potrebbero avere un certo impatto dal punto di vista geopolitico che tuttavia egli ritiene limitato.

"Il fatto che le esercitazioni sino-russe quest'anno si svolgono nel Mar Baltico potrebbe essere facilmente percepito come un sostegno cinese alla Russia in opposizione alla NATO. Tuttavia si tratta di esercitazioni periodiche, la cui essenza non va oltre il concetto di partenariato strategico globale di cooperazione. Queste manovre servono a rafforzare la fiducia reciproca e hanno un impatto limitato sulla geopolitica", ha detto Bin.
L'esperto ha sottolineato che questa è una forma molto importante di cooperazione militare, di solito utilizzata per modificare l'espressione dei legami militari. La scelta della qualità, ubicazione e il tema delle esercitazioni militari è il criterio principale che determina l'effetto dell'addestramento militare.

"Queste esercitazioni non sono mirati nei confronti di qualsiasi terza parte,e non rappresentano una minaccia per i paesi vicini", ha precisato l'esperto.

Correlati:

Russia, Rosoboronexport fornirà 4 elicotteri Mi-171E alla Cina
Russia sposterà produzione aerei Be-200 in Cina
WSJ: Russia e Cina stanno cercando dissuadere gli USA dall’attaccare la Corea del Nord
Tags:
esperto, Esercitazioni militari, Opinione, Cooperazione, Cina, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook