04:47 14 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
43321
Seguici su

Die Welt, citando fonti nell'opposizione siriana e nelle agenzie di intelligence occidentali, ha accusato il governo siriano di aver usato armi chimiche. Allo stesso tempo le accuse non sono accompagnate da nessuna prova documentale.

Secondo il giornale, gli attacchi con l'utilizzo di cloro sarebbero presumibilmente avvenuti nel distretto di Ghuta l'11 e 14 luglio. Nell'articolo si afferma che nei pressi del villaggio di Ain Tarma in prossimità di Damasco le forze governative siriane hanno utilizzato armi chimiche il 1°, 6, 13 e 14 di luglio.

Secondo fonti nei servizi segreti occidentali, nell'ultimo attacco, in cui sono rimaste uccise almeno 9 persone, le forze governative "con alta probabilità hanno usato il sarin", scrive Die Welt.

L'opposizione siriana aveva denunciato il 4 aprile 80 vittime e 200 feriti a seguito di un attacco con armi chimiche in un villaggio della provincia di Idlib.

Le autorità siriane hanno ribadito più di una volta di non aver mai usato armi chimiche contro i civili e terroristi, mentre l'intero arsenale chimico è stato portato via dal Paese sotto il controllo della Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche. Gli Stati Uniti, senza mostrare prove e rifiutandosi di rispondere all'appello della Russia per condurre un'indagine approfondita, hanno successivamente bombardato per rappresaglia la base aerea siriana di Shayrat nella notte del 7 aprile.

Correlati:

Perché la verità sulla Siria non interessa ai media occidentali? Risponde analista tedesco
Da Mosca appello agli USA: “legittimate vostra presenza militare in Siria con Assad”
Generale americano ammette: gli USA non hanno il diritto di essere in Siria
Siria, Lavrov: non sono contrario a legittimare presenza basi americane
USA intensificano la loro presenza nelle province controllate dai curdi in Siria
Tags:
Occidente, Opposizione siriana, Armi chimiche, crisi in Siria, Die Welt, Esercito russo, mass media, Bashar al-Assad, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook