00:31 21 Luglio 2017
Roma+ 23°C
Mosca+ 14°C
    Teheran, Iran

    USA chiedono all'Iran di liberare tutti gli americani imprigionati illegalmente

    © Fotolia/ Borna_Mir
    Mondo
    URL abbreviato
    870919

    Gli Stati Uniti hanno chiesto a Teheran di liberare immediatamente i cittadini statunitensi e stranieri che sono stati arrestati dalle autorità iraniane con “accuse fabbricate” secondo Washington, segnala France-Presse riferendosi al rappresentante del Dipartimento di Stato.

    "Chiediamo il rilascio immediato di tutti i cittadini degli Stati Uniti illegalmente detenuti in Iran, in modo che possano ritornare dalle loro famiglie," — ha riferito il rappresentante del Dipartimento di Stato.

    In precedenza il rappresentante ufficiale del sistema giudiziario iraniano aveva dichiarato che un tribunale aveva condannato un cittadino americano, arrestato dai servizi segreti, a 10 anni di carcere per aver tentato di "infiltrarsi". Secondo le autorità iraniane, il condannato "raccoglieva informazioni" e "agiva su ordini diretti provenienti dall'America".

    Il rappresentante della magistratura iraniana ha sottolineato che l'americano ha fatto appello contro la sentenza di condanna. Il nome del detenuto ed altri dettagli del caso non sono stati divulgati.

    Anche il rappresentante del Dipartimento di Stato non ha rivelato dettagli sul connazionale condannato, sottolineando che "tutti i cittadini degli Stati Uniti, anche quelli con doppia cittadinanza che intendono visitare l'Iran, dovrebbero leggere attentamente le recenti raccomandazioni delle autorità americane sui viaggi in questo Paese."

    Washington ha rotto formalmente i rapporti diplomatici con Teheran nel 1980, un anno dopo la Rivoluzione Islamica.

    Correlati:

    Iran smentisce accuse USA su “comportamento non sicuro” nello Stretto di Hormuz
    Diplomatici russi accusano gli USA di sequestro di persona
    Tags:
    Politica Internazionale, Giustizia, Dipartimento di Stato USA, USA, Iran
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik